Allarme via radio e via cavo: pro e contro

Vota il post

pro-e-controE’ stato dimostrato che a causa della crisi economica sono aumentati i casi di furto che, a loro volta, hanno portato allo sviluppo dei sistemi d’allarme. Anche le zone più periferiche e tranquille sono state prese di mira e l’unico modo per evitare furti e atti di vandalismo è aumentare il livello di sicurezza della propria casa, della famiglia e degli oggetti di maggior valore.

Il principale deterrente è l’installazione di un sistema d’allarme: è dimostrato che un ladro è scoraggiato quando si trova davanti a un’abitazione allarmata, troppo complicato e troppo pericoloso tentare un’effrazione!

I sistemi d’allarme si dividono in due principali tipologie: sistemi via cavo e sistemi via radio.

I primi necessitano di predisposizione, sono sistemi poco flessibili – una volta installati non permettono di riposizionare sensori o altri componenti – ma sono più economici rispetto a quelli via radio.

I sistemi via radio, invece, permettono di utilizzare solo i componenti commercializzati dalla casa madre e necessitano di una manutenzione e una supervisione costante. D’altro canto sono sistemi flessibili ed evitano le fastidiose e costose opere murarie per il cablaggio.

One thought on “Allarme via radio e via cavo: pro e contro

  • 24 febbraio 2015 at 11:01
    Permalink

    Io sono sempre stato a favore degli antifurto via radio, si installano in 5 minuti e non necessitano di opere murarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *