Sensori di allarme a tendina: caratteristiche e come funzionano

Sensori di allarme a tendina: caratteristiche e come funzionano

I sensori di allarme a tendina hanno innumerevoli vantaggi, di cui è bene essere consapevoli. Si tratta spesso di sensori antifurto per esterno, che contribuiscono, insieme ai sensori interni, a dare un maggior livello di sicurezza alla nostra casa. Per riuscire a tutelare le persone che abitano in casa e gli eventuali beni che possiamo avere nella nostra abitazione, è essenziale informarsi bene e scoprire che cosa sono e come funzionano i sensori esterni a tenda. Andiamo a vedere tutto più nello specifico.

Come funzionano i sensori per antifurto a tenda

Parlando di antifurto a tenda si deve fare un esplicito riferimento ai sensori a tendina. Essi vengono installati soprattutto nella parte anteriore o posteriore delle finestre. Si chiamano a tenda, perché questo termine fa allusione a quel fascio di infrarossi che forma una sorta di tenda.

Quest’ultima viene formata per coprire uno dei possibili ingressi di malintenzionati che si introducono in casa nostra. Ci sono diverse opzioni con cui adoperare i sensori a tendina. Infatti essi possono segnalare la presenza indesiderata di qualcuno, ma in certi casi possono produrre una sorta di barriera anti ladro.

Che tipo di tecnologia viene usata

In genere l’antifurto che utilizza i sensori a tendina sfrutta due tipologie di tecnologie. Una di queste si basa sulle microonde e l’altra sugli infrarossi. Le iper frequenze microonde riescono ad analizzare qualsiasi corpo in movimento. Gli infrarossi, invece, si concentrano sulle radiazioni emesse dalla temperatura corporea.

Sfruttando un doppio sistema si ha la possibilità di aumentare il grado di sicurezza e di evitare falsi allarmi.

I vantaggi dei sensori a tenda

I sensori a tenda, come abbiamo già specificato, sono in grado di apportare diversi vantaggi, compresa quella di una garanzia della protezione 24 ore su 24. Possono essere molto utili da sfruttare anche quando il proprietario della casa non si trovi nei paraggi.

Questo tipo di sensori di cui stiamo parlando è molto facile da installare. Infatti non occorre mettere dei cavi e non bisogna realizzare opere di muratura. Non esistono dei limiti per quanto riguarda le dimensioni, perché i sensori a tendina possono essere installati anche in spazi ristretti. Col sistema di protezione interno, anche quando la centralina subisse dei danni, comunque la barriera risulterebbe ancora attiva.

Domotica e antifurto per migliorare la sicurezza in casa

Domotica e antifurto per migliorare la sicurezza in casa

Quello fra domotica e antifurto è un rapporto che merita di essere analizzato. Infatti grazie alle possibilità offerte dalla domotica ci sono nuove opportunità per aumentare il livello di sicurezza in casa. Pensiamo per esempio a quanto sia comodo accedere ad ogni sistema di sicurezza in maniera molto semplice, magari facilmente utilizzando il nostro smartphone. L’esigenza di avere una casa più sicura è propria di ogni persona, soprattutto quando in famiglia ci sono bambini e anziani. Per questo sarebbe importante scegliere un sistema interconnesso fra antifurto e domotica.

Come la domotica migliora la sicurezza

La sicurezza in casa si avvale delle nuove tecnologie, che sono davvero ricche di potenzialità. Attraverso i sistemi domotici possiamo risolvere molti problemi direttamente da remoto, anche quando non siamo in casa. Facciamo qualche esempio per riuscire a spiegare che cosa esattamente vogliamo dire.

Mettiamo il caso, ad esempio, che una tapparella sia rimasta aperta dopo che siamo andati via di casa. Il nostro dispositivo ci potrebbe avvisare di questo fatto. Oppure per esempio ci sono altri sistemi domotici che ci ricordano che non abbiamo provveduto a girare la manopola del gas, quando siamo usciti.

I vari sistemi domotici per la sicurezza in casa

Diverse sono le procedure della domotica che ci vengono in aiuto per aumentare il nostro senso di sicurezza in casa. Abbiamo infatti molti dispositivi a nostra disposizione, come per esempio le serrature automatiche che consentono di aprire la porta di casa in maniera facile anche attraverso l’uso di una password.

Poi ci sono le serrature automatizzate, che permettono di sapere che qualcuno si è introdotto in casa in qualsiasi momento. E non dobbiamo dimenticare, per le aperture, i sensori delle finestre. Questi possono essere connessi ad un impianto domotico, in modo da segnalare ai proprietari un tentativo eventuale di effrazione.

Inoltre un altro sistema molto importante è costituito dall’illuminazione smart. Molti per esempio sono soliti lasciare le luci accese come deterrente contro i ladri. Interfacciando le luci con degli interruttori attraverso sistemi domotici, le luci possono cambiare, si accendono e si spengono a seconda della situazione, costituendo un deterrente in più contro i possibili intenti dei malintenzionati.

Perché installare un antifurto in appartamento

Perché installare un antifurto in appartamento

Installare un antifurto in appartamento potrebbe essere una soluzione giusta per difendersi da tentativi di effrazione. La sicurezza in casa è un tema che sta a cuore a molti e tutti vorrebbero proteggere il proprio luogo intimo da pericoli di diverso genere, specialmente dalle intrusioni improvvise. Oggi abbiamo molte possibilità di riuscire a trovare un antifurto per l’appartamento più adatto alle nostre esigenze. Esaminiamone le caratteristiche principali.

Le tipologie di antifurto per appartamento

Possiamo fare riferimento a diverse tipologie di antifurto. Tradizionalmente, infatti, si fa una distinzione tra antifurto cablato, wireless o sistema misto. Quello cablato comporta la necessità di far passare dei cavi. In genere, per l’installazione di un antifurto con cavi, ci si deve rivolgere ad una ditta specializzata, in modo che tutto sia fatto alla perfezione.

Più semplice potrebbe essere l’installazione di un antifurto per appartamento wireless, che, non comportando il passaggio di cavi, non implica nemmeno la necessità di effettuare delle opere di muratura. Esistono anche dei kit già predisposti, che hanno l’obiettivo di facilitare il nostro lavoro.

Il sistema misto, come indica lo stesso termine, è composto in parte da componenti con cavi e altre componenti wireless.

Perché è conveniente installare un antifurto in appartamento

L’antifurto installato nel nostro appartamento ci dà un maggiore livello di sicurezza per quanto riguarda la protezione della nostra casa. Rispetto ad altri sistemi, come potrebbero essere per esempio le inferriate, l’antifurto è migliore, perché è composto essenzialmente da sistemi che ci garantiscono una protezione totale.

Infatti tradizionalmente l’antifurto si compone di una centralina che costituisce il cuore del sistema e che ha il compito di far scattare l’allarme nel caso riceva degli input che segnalano che qualcosa non vada per il verso giusto.

Gli altri componenti sono costituiti dai sensori, che possono essere di vario genere. Ci sono sensori anche dotati di interfacce domotiche, in modo da interagire con i dispositivi mobili, per un controllo da remoto.

Alcuni sensori, la cui funzione è molto importante, si possono installare presso i punti di accesso più vulnerabili della casa, come porte e finestre. Il loro compito è in ogni caso quello di segnalare eventuali tentativi di effrazione o di rilevare presenze estranee nei pressi dell’abitazione.

Allarme o inferriate: che cosa scegliere per una maggiore sicurezza?

Allarme o inferriate: che cosa scegliere per una maggiore sicurezza?

Allarme o inferriate: che cosa conviene installare per poter contare su un livello più elevato di sicurezza in casa? La domanda potrebbe anche non essere posta, perché per esempio c’è chi sceglie di installare le inferriate con allarme integrato come soluzione che possa risolvere ogni dubbio e ogni incertezza. In effetti le inferriate con allarme integrato rappresentano un sistema di sicurezza molto valido, perché si può beneficiare di entrambi i sistemi di sicurezza: si tratta di inferriate con un allarme integrato che viene azionato non appena si avverte un tentativo di scasso, quando si esercita sulle inferriate una certa pressione.

La sicurezza attiva e la sicurezza passiva

Volendosi chiedere se sia più conveniente scegliere tra allarme o inferriate, bisogna essere consapevoli di che cosa rappresentano entrambi i sistemi. Essi infatti possono essere distinti in sistemi di sicurezza attiva e sistemi di sicurezza passiva.

L’allarme rientra nella prima categoria, mentre le inferriate sono più che altro un sistema di sicurezza di tipo passivo. Infatti le inferriate non sono in grado di ricevere dati dall’ambiente circostante, come invece accade nel caso dell’antifurto collegato ad un allarme. La funzione di difesa esercitata dalle inferriate riguarda soltanto il modo in cui sono state montate.

Nella categoria dei sistemi di sicurezza passiva rientrano anche per esempio le porte blindate e le finestre antieffrazione.

L’antifurto con allarme, invece, riceve segnali dall’ambiente circostante ed è in grado di catturare, se per esempio è integrato con le telecamere, elementi video e audio che provengono dal mondo esterno.

Quali sono i vantaggi delle inferriate e dell’allarme

Sicuramente optare per un sistema di sicurezza attiva come un allarme può aumentare il grado di protezione dell’abitazione, perché per esempio si può essere avvisati quando c’è un tentativo di intrusione da parte di un malvivente.

Tutto questo anche grazie ai sistemi di tecnologia innovativi che permettono di ricevere degli alert anche sui dispositivi mobili.

Tuttavia non possiamo dire che le inferriate non presentino alcun vantaggio. Esse costituiscono allo stesso tempo una barriera fisica e un deterrente. Di certo un ladro, nel momento in cui si trova di fronte ad un’inferriata, avrà maggiori difficoltà nell’introdursi nell’ambiente protetto.

Installatore di antifurto o fai da te?

Installatore di antifurto o fai da te?

Quando compriamo un antifurto, dobbiamo essere consapevoli di come esso sia composto. Questo ci aiuterà sicuramente a scegliere anche l’installatore per antifurto che si adatta più alle nostre esigenze. In genere un sistema di sicurezza per la casa è costituito da alcune componenti fondamentali. C’è la centralina che costituisce il cuore del sistema e ha il compito di gestire l’intero antifurto, ricevendo i segnali e rielaborandoli. Poi un’altra componente fondamentale dell’antifurto è rappresentata dai sensori di movimento, in grado di rilevare l’eventuale intrusione dei malintenzionati. Inoltre un antifurto ha spesso la sirena per evidenziare il segno che sia avvenuta un’effrazione.

L’installazione dell’antifurto wireless

Oggi molti ricorrono all’installazione di un antifurto wireless. Si tratta dell’antifurto senza fili, per il quale spesso non c’è la necessità di fare affidamento su un vero e proprio installatore. Naturalmente l’intervento di un tecnico specializzato è molto importante, perché evita di incorrere in alcune problematiche che potrebbero manifestarsi con l’autoinstallazione e che non sapremmo altrimenti come risolvere.

Tuttavia l’antifurto wireless dal punto di vista dell’installazione presenta dei vantaggi molto evidenti. Infatti possiamo acquistare anche dei kit già predisposti, che ci aiutano ad installare in maniera perfetta tutte le componenti.

Si tratta di kit per la sicurezza senza fili, che si rivelano facili da installare anche perché non occorre fare interventi che riguardano le opere murarie, interventi che spesso richiede un antifurto cablato e che quindi possono rendere più complicata l’installazione.

Come è possibile integrare l’antifurto fai da te

Vogliamo sottolineare in maniera importante come la presenza di un installatore per antifurto possa essere essenziale. Tuttavia è bene ribadire che ci sono anche delle situazioni in cui ricorrere al fai da te potrebbe rappresentare una comodità.

Questo anche perché non bisogna dimenticare che è possibile ampliare poi l’antifurto e i sistemi di sicurezza in generale con l’installazione di altre componenti, come per esempio il collegamento della centralina al nostro smartphone, per monitorare la situazione, per ricevere notifiche di allerta e per chiamare eventualmente le forze dell’ordine tempestivamente.

Possiamo ampliare l’antifurto installando anche dei sensori magnetici per le porte e per le finestre della casa oppure possiamo affidarci ai moderni sistemi di videosorveglianza, per esempio installando delle telecamere IP.

Allarme casa e Alexa: la domotica al servizio della sicurezza

Allarme casa e Alexa: la domotica al servizio della sicurezza

La domotica ci offre molte possibilità per la gestione della sicurezza della casa. Per esempio in questo senso dobbiamo considerare l’importante opportunità di integrare l’antifurto con Alexa di Amazon. D’altronde non dobbiamo sottovalutare l’opportunità del fatto che grazie alla tecnologia, anche utilizzando i comandi vocali, con un solo dispositivo possiamo gestire tutta la nostra casa, quindi anche l’aspetto della sicurezza. Ma vogliamo saperne di più su che cos’è Alexa di Amazon e come si può integrare con l’antifurto per la casa? Ecco tutte le informazioni che possono fare al caso nostro.

Che cos’è Alexa

Alexa, di cui il produttore è Amazon, è un dispositivo dotato di comando vocale, che dà la possibilità di essere utilizzata in una casa smart, per gestire tutte le parti domotiche e quei dispositivi che hanno il Wi-Fi.

Alexa si presenta come una scatola a forma conica. Ha dei forellini appositi che servono a catturare l’audio. Per far funzionare correttamente questo dispositivo, occorre impostare soltanto dei semplici parametri e poi comunicare con esso a seconda delle nostre esigenze.

Amazon da sempre cerca di realizzare dei prodotti all’avanguardia da questo punto di vista. Infatti Alexa originariamente rappresentava soltanto una soluzione che aveva la funzione di regolare le casse acustiche dello stereo. Poi si è passati a farla diventare qualcosa di integrato con la gestione domestica.

Come utilizzare Alexa per la sicurezza in casa

Ci sono molti esempi che potremmo fare su come Alexa possa rappresentare un’ottima soluzione per la sicurezza in casa. Facciamo un esempio a questo proposito. Mettiamo il caso che siamo usciti di casa e abbiamo dimenticato di abbassare le tapparelle. Con i sistemi domotici possiamo comunicare con Alexa, per provvedere alla dimenticanza.

Oppure per esempio mettiamo il caso che siamo usciti e ci siamo dimenticati di attivare l’allarme. Se Alexa è integrata con il nostro antifurto, possiamo comunicare efficacemente per inserire e attivare l’allarme per la nostra abitazione.

Inoltre Alexa può essere collegata sempre in senso domotico anche con le luci della casa. Se abbiamo l’esigenza di far sentire la nostra presenza anche quando non ci siamo per ingannare i malintenzionati, sempre attraverso una comunicazione wireless, possiamo far accendere le luci anche in nostra assenza.

Falsi allarmi di un antifurto: possibili cause e come evitarli

Falsi allarmi di un antifurto: possibili cause e come evitarli

Possono essere molte le cause di un falso allarme. Per esempio può capitare che vada via la corrente in seguito ad un blackout, che ci sia la batteria scarica di un sistema antifurto o che l’allarme scatti per la presenza di animali. A volte sono dei piccoli errori, come per esempio delle dimenticanze, che non garantiscono la protezione completa della nostra casa, nonostante abbiamo installato un sistema antifurto. Naturalmente bisognerebbe fare di tutto per fare in modo che non si verifichino dei falsi allarmi. Se sono troppo frequenti, possono mettere in moto le forze dell’ordine impropriamente e i vicini possono anche lamentarsi. Ma come evitare i falsi allarmi di un antifurto? Vediamo alcuni consigli specifici da questo punto di vista.

Perché si possono verificare falsi allarmi con i sensori perimetrali

Spesso i falsi allarmi di un antifurto si verificano in seguito all’utilizzo dei sensori perimetrali. Alcune cause possono essere davvero molto comuni, come per esempio il verificarsi di precipitazioni atmosferiche, come ad esempio temporali, nebbia o lo scatenarsi di raffiche di vento.

In seguito ad un temporale il sensore perimetrale, soprattutto se usato all’esterno, potrebbe far scattare facilmente l’allarme perché percepisce gli spostamenti dell’aria e il cadere delle foglie come se fossero degli intrusi.

Anche il passaggio di cani, gatti e altri animali può rischiare di far scattare inutilmente l’allarme. Di solito però, se si utilizzano degli antifurto di alta qualità, come i sensori perimetrali a doppia tecnologia, si può ottenere un monitoraggio più specifico e quindi si evitano i frequenti falsi allarmi.

I consigli utili per evitare falsi allarmi

Il consiglio fondamentale che sentiamo di darti per evitare i falsi allarmi consiste nel puntare su antifurto di qualità. In questo modo per esempio i sensori per interno e perimetrali possono disporre di una fotocamera integrata per effettuare delle verifiche più precise.

I sensori per le porte e per le finestre dovrebbero essere in grado di distinguere le vibrazioni che sono causate da intrusi o da agenti atmosferici. Inoltre considera che l’installazione deve essere sempre affidata ad esperti tecnici che sanno collocare le varie componenti nella posizione giusta, in modo da evitare il più possibile il verificarsi di falsi allarmi. Punta anche sulla manutenzione costante.

Opinioni e recensioni su sicurezza.pro allarme

Opinioni e recensioni su sicurezza.pro allarme

Leggi le recensioni, le opinioni su Sicurezza pro e le esperienze degli utenti. Ma non solo anche i commenti e i giudizi sui vari prodotti di questa azienda che vende antifurti dal 2006.

Sicurezza.pro è un sito che vende sistemi di allarme, antifurti, ha in vendita anche videosorveglianza e dispositivi per la protezione di aziende ed abitazioni, domotica ed accessori.
Sicurezza.pro commercializza i prodotti senza terze parti o intermediari in questo modo può offrire prezzi bassi senza intaccare sicurezza e qualità.
Puoi generare preventivi sia telefonicamente che online, ordinare direttamente dal sito i loro sistemi antifurto. Fra i prodotti principali che sicurezzapro vende ci sono il Kit SuperOkkio mono e doppia frequenza, il Kit Entrylevel, quello Kit G2021GSM-FULL e il Kit SuperOKKIO con centrale a Tripla Frequenza. Ci sono anche le telecamere e la domotica. Nuovi versioni della super okkio wifi.

E’ quindi importante conoscere le opinioni, i commenti e le recensioni dei clienti.

Ad esempio se qualcuno ha comprato on line questo sistema di sicurezza per la casa. Molti hanno curiosato tra tanti siti e trovato quello di “sicurezza pro” che può sembrare il più affidabile. Puoi comprare sistemi di sicurezza a partire da centocinquantaeuro in su circa.
I kit sono molto facili da installare ed utilizzare e si possono controllare con il cellulare, con lo smartphone e via internet a distanza da casa o dall’ufficio. C’è anche l’ascolto ambientale che da fuori casa e a distanza è senz’altro importante per sapere che è tutto ok in casa. E’ un prodotto consigliato perchè fa anche sentire e vedere con il cellulare e quello dei famigliare quello che succede in casa.

Se ti trasferisce in una nuova casa la prima cosa alla quale dovresti pensare e la sicurezza e quindi l’installazione di un allarme antifurto. Chiedi ai conoscenti che te ne possono parlare molto bene di questo sito e consultalo online. E’ fatto bene, intuitivo semplice e veloce. Entra nel sito e scegli l’allarme che fa per te, via filo o senza filo, in base al proprio budget e a quello che si vuole spendere. Ci sono prodotti di vario costo, piu o meno economici, piu o meno con prezzi bassi o alti. Vari tipi di sensori. Insomma è una offerta variegata abbastanza conveniente e che consiglio.

Sicurezza.pro è una azienda italiano che offre vari servizi per la sicurezza di casa, dell’ufficio e del negozio. Propone prodotti per sentirsi tranquilli a casa tua. Decidi di provare questa azienda e non rimarrai deluso, le tue aspettative saranno positive. I furti in casa continuano ad aumentare, fatti consigliare bene. Tutti gli aspetti positivi ma anche quelli negativi, l’assistenza, la garanzia, il diritto di recesso, i manuali e quant’altro sono a tua disposizione.

Esiste anche un numero telefono per aprire dei reclami in caso di insoddisfazione: 0398943223

Maggiori dettagli su opinioni e recensioni su sicurezzapro antifurto e sistemi di allarme e videosorveglianza e domotica.

 

Come sostituire la batteria dell’allarme di casa

Come sostituire la batteria dell’allarme di casa

La batteria dell’allarme svolge una funzione molto importante, infatti dà l’opportunità al sistema di funzionare anche se dovesse verificarsi un’interruzione di corrente. La maggior parte degli allarmi funziona tramite una tensione di 12 volt e utilizzano una batteria al piombo. Questa batteria può avere una grandezza degli schemi di funzionamento differenti a seconda del sistema a cui è collegata. Nel corso del tempo una batteria dell’allarme può ridurre la sua carica anche di molto rispetto a quella che aveva originariamente. Soprattutto è da fare attenzione dopo circa tre o cinque anni di utilizzo. A volte è necessario provvedere alla sua sostituzione per non ridurre le performance dell’antifurto. Ma come sostituire la batteria di un allarme per la casa? Rispondiamo a questa domanda.

Quando è ora di cambiare la batteria

In realtà, quando parliamo di batterie di un sistema di allarme, dobbiamo considerare che esistono due tipi di questi strumenti. Una serve per far funzionare la sirena e l’altra interviene in caso di un’eventuale interruzione di corrente.

Quando le batterie sono scariche l’impianto ci avvisa attraverso un suono prolungato. Per trovare la batteria specifica per il nostro sistema di allarme ci possiamo rivolgere a dei negozi specializzati.

Come fare a cambiare la batteria dell’allarme

Se vogliamo agire attraverso un’operazione fai da te, ricordiamoci che bisogna fare molta attenzione, perché l’operazione potrebbe danneggiare l’antifurto, oltre che provocare dei rischi per noi stessi. Se non siamo molto esperti, è meglio rivolgersi ad un tecnico specializzato.

Se consideriamo l’azione pratica, dobbiamo prima provvedere ad aprire l’unità centrale. Quando cerchiamo di aprire questa unità, dobbiamo ricordarci di inserire il codice che di solito utilizziamo per attivare l’allarme.

Facciamo poi attenzione al collegamento e alle polarità. Le batterie per antifurto di solito hanno un polo positivo di colore rosso e uno negativo, che può essere nero o blu. Basta soltanto inserire la giusta batteria nella posizione più adeguata, facendo corrispondere le polarità, e poi procediamo di nuovo a chiudere il coperchio dell’unità centrale.

Procediamo alla fine a constatare il buon funzionamento e che non ci siano più segnali dati dall’allarme che indicano la batteria scarica, come per esempio segnali che di solito si vedono sul display o che possono consistere in suoni prolungati.

Allarme di casa suona senza motivo? Ecco cosa fare

Allarme di casa suona senza motivo? Ecco cosa fare

Cosa fare se l’allarme di casa suona senza motivo? Come è possibile agire concretamente per fermare il suono dell’antifurto della tua abitazione? Ci sono delle precise azioni che puoi compiere nell’attesa dell’intervento da parte di un tecnico esperto. Allo stesso tempo devi sapere che ci sono delle cose assolutamente da non fare quando l’allarme di casa suona senza motivo e non riesci a disattivarlo. Vediamo quindi ciò che dovresti fare in questi casi e ciò che invece non dovresti fare.

Cosa dovresti fare

È sempre importante sapere di preciso come agire. Per questo devi sicuramente fare riferimento innanzitutto al manuale delle istruzioni del dispositivo che hai installato nella tua abitazione. Per prima cosa dovresti individuare se nel sistema di allarme è presente una funzione di test dell’impianto.

Si tratta di un sistema che consente all’impianto di non suonare, utile ad esempio quando un tecnico effettua degli interventi di manutenzione del sistema di allarme. Controlla nel manuale delle istruzioni se è presente una parte specifica dell’allarme che impedisca l’emissione del segnale sonoro.

In alternativa potresti escludere dall’impianto antifurto la precisa area che genera il suono di allarme, sempre seguendo le istruzioni che trovi nell’apposito manuale che ti è stato fornito quando hai effettuato l’acquisto.

Naturalmente dovresti sempre essere molto preciso quando contatti un tecnico. Non puoi genericamente spiegare all’esperto che l’allarme suona senza motivo. Dovresti anche tenere in considerazione ad esempio anche eventuali messaggi apparsi sullo schermo, per fornire delle spiegazioni che risultino maggiormente precise. In questo modo il tecnico saprà sempre come intervenire.

Cosa non dovresti fare

Ci sono, però, come abbiamo visto, anche delle azioni da non fare nel momento in cui l’allarme di casa suona senza motivo. Sono delle azioni che non dovresti compiere per evitare di danneggiare l’intero sistema, che è configurato per funzionare nel migliore dei modi.

Ad esempio non dovresti mai toccare dei fili sui quali non hai consapevolezza. Non devi mai cercare di sistemare il problema da solo, perché potresti danneggiare altre parti dell’impianto. Un sistema di allarme è progettato per funzionare in maniera compatta e precisa, quindi dovresti sempre affidarti ad un tecnico esperto in queste situazioni.

Allo stesso tempo ti consigliamo sempre di non aprire gli apparati che compongono l’allarme per la casa. Questi sistemi hanno infatti delle protezioni che, una volta aperti, generano un allarme specifico. Questo avviene perché dei ladri che tentano di introdursi nell’abitazione potrebbero manomettere l’impianto. Anche se quest’ultimo è spento, l’allarme manomissione comunque è sempre attivo.