Sensori Volumetrici e perimetrali: differenze e caratteristiche

Sensori Volumetrici e perimetrali: differenze e caratteristiche

La protezione volumetrica è quella tipica dei sensori interni, volti a monitorare i volumi delle camere, mentre i sensori perimetrali sono quelli che si montano sulle finestre, sulle tapparelle e lungo i muri delle case. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche e le differenze fra i due tipi di sensori.

I sensori volumetrici rappresentano gli occhi del sistema d’antifurto, poiché attraverso un segnale elettrico riportano alla centrale i movimenti che si verificano nell’ambiente posto sotto controllo. Tali sensori basano il loro funzionamento sulla tecnologia PIR, tramite cui i raggi infrarossi rilevano il calore emesso dagli oggetti e dagli esseri umani; gli oggetti con temperature al di sopra dello zero, emanano energia sotto forma di radiazioni luminose, ed è qui che entrano in gioco i sensore PIR, i quali individuano l’alterazione di temperatura che si verifica in un luogo, rilevando così la presenza di ospiti indesiderati. I sensori volumetrici sono ideali per riconoscere e distinguere i movimenti di un corpo umano rispetto a quelli generati dalle vibrazioni presenti nell’area o magari dovute al vento. Per ciò che concerne gli animali domestici che vivono all’interno dell’abitazione, il loro movimento dentro le stanze in cui agiscono i sensori volumetrici potrebbe causare i cosiddetti falsi allarmi: per risolvere tale problema in commercio sono disponibili i sensori Pet friendly, utili per distinguere il corpo ed il movimento di un animale rispetto a quello di una persona. Molto importanti anche i sensori volumetrici che sfruttano la doppia tecnologia: in tal caso la tecnologia dei raggi infrarossi si unisce con quella delle microonde. Da annoverare anche i sensori volumetrici specifici per l’esterno, realizzati con materiali molto più resistenti di quelli impiegati per i sensori da interno, poiché devono essere resistenti agli agenti atmosferici a cui sono esposti quotidianamente. Infine, riguardo l’installazione, è preferibile collocare i sensori volumetrici in zone di passaggio, per esempio scale, ingressi, corridoi e nelle camere in cui sono presenti cose di valore.

Tra i sensori perimetrali, i più diffusi sono senza dubbio le barriere perimetrali, ovvero delle stecche di circa 20 o 30 cm da installare a coppia e in parallelo per permettergli di realizzare una barriera invisibile di raggi infrarossi di fronte alla finestra o alla porta-finestra designata. Nel momento in cui il fascio di infrarossi viene attraversato e quindi interrotto, parte la segnalazione alla centrale d’allarme che a sua volta fa scattare l’allarme. Molto utilizzati anche i sensori singoli o a tenda, da installare singolarmente su una apertura: entrambi devono essere montati al di sotto delle finestre, dei terrazzi e lungo il perimetro dei muri e delle recinzioni che delimitano l’abitazione e quindi il confine con i vicini e la strada. Si tratta di apparecchi utili ed economici, resistenti agli urti e agli agenti atmosferici, anche se a volte possono provocare i falsi allarmi, specialmente se la qualità dei sensori è scarsa o se sono tarati male. Ovviamente in commercio sono disponibili con funzioni di anti-mascheramento, anti-strappo o pet friendly volte a raggiungere una maggiore sicurezza e ad evitare il fastidioso fenomeno dei falsi allarmi.

 

Sistema d’antifurto casa via cavo o via radio?

Sistema d’antifurto casa via cavo o via radio?

Lo sviluppo crescente che negli ultimi anni ha investito il settore tecnologico, ha portato ad una notevole espansione anche nel campo degli impianti d’antifurto: questi sistemi, infatti, si stanno diffondendo sia in ambiente domestico che professionale, raggiungendo ottimi traguardi in termini di funzionalità e sicurezza, senza contare il rapporto conveniente tra qualità ed il costo dei vari prodotti presenti in commercio. Sono molti gli utenti che scelgono di proteggere la propria abitazione, un ufficio, un negozio, una azienda o un esercizio commerciale grazie all’installazione di un impianto d’allarme. Per poter fare la scelta giusta ed acquistare il sistema migliore per le proprie specifiche necessità di sicurezza, le valutazioni da fare non sono poche: il primo grande step riguarda l’opzione tra l’impianto di antifurto via cavo (filare), quello via radio (wireless, senza fili) o quello misto.

Dunque qual è il migliore tra i tre sistemi di sicurezza? Quello filare, che necessita del cablaggio nella fase di installazione; quello wireless, che lavora grazie alle onde radio; o quello misto, che include sia elementi via cavo che parti via radio? Per rispondere al quesito sulla scelta tra la tecnologia filare, quella wireless e quella mista per il proprio sistema d’allarme, è importante in primo luogo specificare che molto dipende dalle condizioni in cui decidete di installarlo: se per esempio è in atto una ristrutturazione, oppure l’appartamento possiede già la predisposizione, quindi la giusta disposizione dei tubi per la messa in posa ed il passaggio dei cavi, è da prendere in considerazione l’installazione di un impianto di antifurto filare, senza dubbio più economico sia per quanto riguarda l’acquisto che la successiva fase di manutenzione.

Se invece all’interno della casa non vi è alcuna predisposizione, è da prendere in considerazione l’acquisto di un sistema di antifurto wireless: quest’ultimo, infatti, per la sua installazione non presuppone il cablaggio, di conseguenza niente buchi, tracce, canaline ed interventi murari vari per il passaggio dei cavi. Per quanto riguarda gli impianti di antifurto misti e la loro installazione, è indispensabile possedere comunque un minimo di predisposizione, anche se alcune apparecchiature come le telecamere di videosorveglianza e i sensori d’allarme sono in versione wireless.

Per ciò che concerne i costi, è evidente che quando ci si appresta a fare l’acquisto bisogna fare attenzione al rapporto qualità prezzo dei dispositivi che ci interessano. Oggigiorno, inoltre, la provenienza degli apparecchi non giustifica più il costo di un impianto di antifurto, in quanto anche le più note aziende italiane ormai producono in Cina, pertanto la qualità dei prodotti non si basa più sulla localizzazione geografica della produzione, bensì sul tipo di tecnologia usata, nonché sulla qualità dei prodotti e dei materiali impiegati. Per quanto riguarda i prezzi, c’è da riflettere sul fatto che, ovviamente, al variare dei requisiti del prodotto variano anche i costi: se ad esempio un sistema di allarme sfrutta la doppia frequenza, certamente avrà un costo maggiore rispetto ad un impianto che lavora su un’unica frequenza (ad incidere sui prezzi vi è anche la dotazione di ulteriori funzioni come l’anti-jamming e l’anti-manomissione).

Detrazioni fiscali casa

Detrazioni fiscali casa

Le detrazioni fiscali riguardano sia l’acquisto che l’installazione di impianti per la messa in sicurezza della casa e per la sua riqualificazione a livello energetico. Oggigiorno, l’evoluzione esponenziale del settore tecnologico ha portato ad un progresso notevole nel campo dei sistemi di antifurto e di videosorveglianza: questi ultimi, da un decennio a questa parte, stanno occupando un posto sempre più rilevante in commercio; a tal proposito sono numerosi i cittadini che scelgono di proteggere la propria casa da ladri e malintenzionati grazie all’installazione di impianti di sicurezza. Rispetto al passato, il costo per l’acquisto e la successiva installazione di questa tipologia di impianti si è abbassato di molto, sino a divenire accessibile ai più.

Per andare maggiormente incontro agli utenti che scelgono di dotarsi di sistemi di sicurezza, lo Stato italiano prospetta delle agevolazioni fiscali del 50% con l’obiettivo di favorire ulteriormente questo tipo di mercato volto alla tutela dei beni e delle persone. In questo contesto i sistemi di antifurto e di videosorveglianza rappresenta un valido alleato non solo per chi se ne dota ma anche per le forze dell’ordine: più utenti provvedono all’installazione, maggiore sarà la probabilità che Polizia e Carabinieri possano svolgere al meglio e tempestivamente il loro lavoro. È proprio da tale idea che derivano le detrazioni che il Governo prospetta.

Qual è la tipologia di interventi grazie ai quali poter accedere alle agevolazioni fiscali? Lo Stato ha proposto l’istituzione di un bonus per gli utenti che si dotano di sistemi di sicurezza, il quale si applica alla ristrutturazione della casa nel caso in cui vengano previsti interventi volti a contrastare i furti, gli atti vandalici, i tentativi di scasso ecc. Nello specifico, parliamo dell’installazione di grate per porte e finestre, di portoni blindati, di saracinesche, di vetri con funzione antisfondamento, di cancelli, di casseforti e ovviamente di sistemi di allarme e di videosorveglianza. Per ciò che concerne i requisiti per poter usufruire delle detrazioni fiscali, si tratta di ristrutturazioni edilizie, le quali includono i lavori all’interno della struttura e comprendono anche l’installazione di telecamere di videosorveglianza e di sistemi di controllo.

Come funzionano le detrazioni fiscali? la legge prevede la detrazione delle spese sostenute per le prestazioni lavorative di tecnici, periti ed architetti; prevede che dai lavori di ristrutturazione effettuati in proprio è possibile detrarre i costi dedicati all’acquisto del materiale impiegato; invece, se si tratta di interventi di ristrutturazione dovuti all’ordinaria manutenzione, si possono detrarre solo le spese per le parti in comune di una struttura; il decreto prevede inoltre che le detrazioni fiscali siano distribuite nel tempo su quote decennali.

Per inviare la richiesta per la fruizione delle detrazioni fiscali, bisogna scaricare il modulo contenuto sul portale del sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, accedendo nella sezione dedicata alle Agevolazioni Fiscali. Come specificato prima, tali detrazioni vengono spalmate su quote decennali, ma risultano comunque molto allettanti, poiché basta pensare al fatto che questo meccanismo dà la possibilità ai cittadini di risparmiare non poco denaro, ossia fino alla metà dell’intera somma dedicata alla realizzazione dei lavori.

Impianto d’antifurto e collegamento a Internet

Impianto d’antifurto e collegamento a Internet

Rientrare in casa propria e trovarla sotto sopra è una esperienza davvero terribile. Subire una violazione di questo tipo, oltre al danno economico e alla privazione degli oggetti preziosi o con valore affettivo, rappresenta per chi vive l’accaduto anche una grave afflizione psicologica. La percezione di sicurezza provata sino a quell’istante tra le confortanti mura dell’abitazione, non sarà più la stessa, poiché si prende atto del fatto che un luogo privato e inviolato è divenuto bottino di perfetti sconosciuti. Dopo un evento di questo tipo, solitamente, le vittime del furto in casa tendono ad avere paura di rivedere lo stesso scenario tornando a casa, o peggio ancora di ritrovare i malviventi ancora all’interno. Oggigiorno gli impianti di allarme per ambiente domestico risultano decisamente sofisticati, efficienti ed accessibili economicamente.

Detto ciò la seguente domanda sporge spontanea: perché vivere ancora con la continua paura di trovare la propria casa ripulita da qualche ladro? Dotarsi di un sistema di antifurto rappresenta un investimento che ovviamente si ripaga nel tempo, soprattutto se si riflette sul quanto si possa spendere per rifare le finestre o peggio una porta d’ingresso rovinata in seguito ad un tentativo, a buon fine o no, di intrusione; per non parlare di tutti gli altri danni che possono verificarsi in questo tipo di eventi. Un impianto d’antifurto per uso domestico, per poter essere efficacie e con buone prestazioni, deve essere costituito dai seguenti componenti: la centrale, che rappresenta il cuore pulsante del sistema di sicurezza che collega e gestisce tutto; la sirena sonoro-visiva da installare al di fuori della casa, per esempio sul balcone, poiché servirà a far individuare l’edificio alle Forze dell’Ordine in caso di allarme; un certo numero di sensori di movimento o di rilevatori antiscasso da installare sulle finestre; un numero variabile le telecamere per la videosorveglianza da installare sia dentro che fuori l’abitazione a seconda delle zone che si intendono sorvegliare.

Tale elenco racchiude gli elementi base: infatti i sistemi di antifurto più complessi contengono anche le telecamere che sfruttano la tecnologia via radio (quindi wireless, sistema senza fili) da comandare e gestire grazie alla rete Internet tramite computer, Smartphone e Tablet; i monitor di videosorveglianza; le centrali telefoniche per far partire la chiamata direttamente sul vostro Smartphone in caso d’allarme; i sensori antieffrazione da installare sui serramenti, e tante altre soluzioni tecnologiche per salvaguardare a 360 gradi non solo le case ma anche gli uffici, i negozi, le aziende, i locali commerciali ecc.

Detto ciò, è importante sottolineare che per poter installare un normale impianto di antifurto, non si ha affatto bisogno della rete internet. Ovviamente se si è in possesso di una connessione, la si può utilizzare per far uso del sistema al 100%, ma è pur vero che l’impianto resta sicuro e efficiente anche senza. Diversi sistemi di sicurezza innovativi sfruttano la connessione ad internet per consentire un controllo da remoto tramite Smartphone e/o Tablet, ma ad onor del vero si tratta di un lusso non indispensabile, per cui l’utente può essere avvisato di eventuali situazioni d’allarme o di altre criticità anche tramite una normale linea telefonica.

Protezione appartamento

Protezione appartamento

L’importanza della sicurezza domestica

La questione della sicurezza e della protezione degli appartamenti oggi è più che mai fondamentale, in un mondo in cui la tecnologia si evolve giorno dopo giorno e che, purtroppo, permette ai malintenzionati di causare danno anche facendo riferimento a nuove metodologie per introdursi in un’abitazione. Di pari passo, però, anche il livello di protezione degli appartamenti e degli edifici più in generale è aumentato, sempre grazie alle innovazioni tecnologiche che oggi danno la possibilità agli utenti di effettuare diverse scelte finalizzate a quell’obiettivo comune rappresentato dalla massima sicurezza domestica. Sono diversi i metodi che permettono di rendere la propria abitazione sicura e impenetrabile. Tali metodi si distinguono l’uno dall’altro per il budget, che farà propendere per una scelta piuttosto che per un’altra, per l’obiettivo da perseguire, ovvero il raggiungimento di un determinato livello di sicurezza, per la tipologia degli ambienti da mettere in sicurezza e per il tipo di tecnologia su cui si decide di puntare le proprie risorse economiche. Questi fattori, combinati insieme, daranno come risultato l’installazione di un certo tipo di impianto che fornirà all’abitazione un livello di sicurezza sulla base del budget investito. Entriamo dunque più in profondità nella questione e vediamo come si configurano le soluzioni di impianti di sicurezza più efficaci e più apprezzati dagli utenti.

L’impianto di sicurezza a budget limitato
Rimanendo in ambito economico, partiamo dalla definizione della casistica che prevede l’acquisto e l’installazione di un impianto di sicurezza avendo a disposizione un budget limitato. Con i mezzi che il mercato offre attualmente, e con la moltitudine di aziende che offrono i propri dispositivi a prezzi sempre più abbordabili e competitivi, è possibile realizzare un impianto particolarmente pratico ed efficiente anche senza andare incontro ad una spesa eccessivamente onerosa. Tenendo sempre presente che ad un budget limitato corrisponde pur sempre un impianto di sicurezza altrettanto limitato, spendendo poco denaro è possibile adottare alcune soluzioni semplici ma in grado di raggiungere quella sicurezza minima che potrebbe fare la differenza.
Innanzitutto, una delle prime spese a cui si deve far fronte nel caso in cui non si abbia a disposizione molto denaro è quella riguardante l’acquisto dei classici sensori da posizionare in punti chiave della propria abitazione o di un edificio. Nello specifico, tali sensori andranno collocati in aree quali finestre, porte finestre, accessi ai balconi, insomma tutte quelle zone caratterizzate dalla presenza di finestre e che potrebbero dare la possibilità a malintenzionati di introdursi all’interno di un determinato ambiente. Partendo dal presupposto che esistono diverse tipologie di sensori, da quelli magnetici agli infrarossi, dopo l’avvenuta collocazione si dovrà provvedere ad effettuare il collegamento con l’apposita centralina, la quale fungerà da centro di controllo per l’intero impianto. Un altro accorgimento riguarda l’installazione di un segnale luminoso fuori dalla propria abitazione, possibilmente collegato ad un allarme interno, in modo tale da scoraggiare eventuali ladri alla vista della luce esterna.

L’impianto di sicurezza a budget medio
Aumentando il budget a propria disposizione, aumenterà di conseguenza lo spettro di possibilità che il mercato dei sistemi di allarme e di protezione per gli appartamenti offre agli utenti. Un budget di medio livello permette di installare un impianto decisamente migliore rispetto a chi dispone di un budget limitato, con innesti che andrebbero ad aumentare ulteriormente il grado di sicurezza dei propri ambienti magari già messi protetti da semplici sensori. Anche in questo caso vige l’usanza di collocare segnali infrarossi, facendo riferimento alle cosiddette barriere a stilo. Tali barriere consistono in due elementi distinti in grado di emettere l’uno contro l’altro dei fasci di raggi infrarossi che, nel caso percepiscano movimenti inconsueti o venissero attraversati anche in maniera impercettibile, provvederebbero a far scattare l’allarme. Il vantaggio delle barriere di questo è quello di godere di un’ottima connettività che permette un’emissione del segnale di allarme in maniera rapida ed efficace. Il solo prezzo delle barriere a stilo, però, si aggira intorno ai 100-150 euro. Altri accorgimenti da prendere dal punto di vista di un budget di medio livello sono i sensori a tenda, definiti in questo modo per via della loro emissione di raggi infrarossi. La collocazione di questi sensori, infatti, viene solitamente effettuata in punti ad altezza di 1,90-2,00 metri, con i fasci infrarossi che creano per l’appunto una sorta di effetto tenda. Il prezzo varia a seconda dell’azienda e del marchio del prodotto, ma con 60-70 euro si potrà effettuare un buon acquisto.

L’impianto di sicurezza ad alto budget
Avendo a disposizione un budget ancor più consistente sarà possibile salire ulteriormente di prezzo, potendo quindi dotare la propria abitazione di oggetti e apparecchi in grado di garantire un altissimo livello di sicurezza agli ambienti da proteggere. In questo caso gli accorgimenti da prendere vanno dall’installazione di allarmi con codici numerici, da collocare all’ingresso della casa o di una o più stanze, sino all’installazione di un impianto video con telecamere collocate nelle aree più delicate e soggette alla possibile intrusione da parte di malintenzionati. A seconda degli oggetti che compongono l’impianto il prezzo potrà salire sino a 500 euro, il che è sinonimo di altissima sicurezza.

Morsetto anti sabotaggio

Morsetto anti sabotaggio

Ci sono diversi motivi per cui si può aver bisogno di un allarme per abitazione, in primis il bisogno di sentirsi al sicuro e di sapere che, anche quando si è via da casa, questa non è priva di controllo e protezione. Oggi in commercio, grazie anche alla tecnologia, è possibile trovare tanti modelli corrrispondenti alle proprie necessità, con un buon rapporto qualità – prezzo e così semplici da montare da permettere anche il fai da te.
Molti permettono di avere un controllo direttamente sul proprio smartphone in qualsiasi momento, per tener sotto controllo la propria abitazione ed esser più sicuri.
I vantaggi di un kit di allarme fai da te sono molteplici, non da meno la possibilità di risparmiare notevolmente sulla manodopera dell’installatore.

Tra i modelli più apprezzati rientrano sicuramente i nuovi allarme senza fili, wireless. Questo prodotto unisce qualità, semplicità di installazione e una facilità di utilizzo non indifferente. Poter comprare e montare direttamente da soli questi prodotti porta ad un risparmio legato anche al fatto che non ci sono intermediari di mezzo che, per forza di cose, comportano un aumento del prezzo finale.

Niente distributori dislocati sul territorio, nessun agente di commercio o grossista. Nessun rivenditore che faccia da tramite tra chi vuol acquistare e chi produce materialmente l’allarme. Questo significa anche un rapporto diretto con la casa madre, sinonimo di garanzia e assistenza in caso di malfunzionamento dello stesso. Perchè sono così semplici da montare?

Si tratta di prodotti innovativi che funzionano principalmente con diverse frequenze. Questo significa non dover effettuare lavori di muratura nella propria abitazione. A conferma del fatto che è possibile montarli da soli vi è la possibilità di comprare questi kit di allarmi fai da te non solo in negozi specializzati in sistemi di anti intrusione o video sorveglianza, ma anche in posti fino a poco tempo fa impensabili come i centri commerciali e gli e-commerce presenti in rete.

Tramite internet vi è anche la possibilità, su alcuni e-commerce, di configurare a monte il kit che si desidera. Infatti è possibile scegliere la tipologia e i relativi componenti, a secondo delle proprio necessità e del budget a disposizione.
Lo schema tipico di un allarme per casa è piuttosto semplice e questo semplifica e non di poco il montaggio dello stesso.

Ci sono alcune cose da tenere a mente quando si è sul punto di montare un sistema di allarme per casa fai da te:
– Individua i punti di intrusione
Può sembrar banale ma i primi punti in cui andranno posizionati i componenti sono proprio in quelle zone della casa dove è possibile intrufolarsi. E chi meglio di chi ci abita conosce la propria abitazione? Valuta porte, finestre e ogni possibile accesso all’interno della casa. Questo limita di parecchio le possibilità che qualcuno cerchi di entrare in casa in maniera furtiva.

Il prezzo, la facilità di montaggio e il modo in cui funzionano sono tra gli aspetti più importanti da tenere a mente. Ma non solo. Quando devi scegliere tra un kit e un altro presta attenzione alla certificazione CE, la certificazione di conformità del prodotto che ne attesta anche tutti i requisiti chiesti dall’Unione Europea per poter vendere il prodotto in zona Euro.

Il morsetto anti sabotaggio
Uno dei rischi principali è che qualcuno che ne capisca abbastanza di sistemi di allarme e che tenti di sabotare quello dell’abitazione presa di mira. Solitamente, individuata la cassetta, si procede ad un sabotaggio di giorno, quando l’allarme non è in funzione per poi agire di notte o in altro momento. Per esempio quando non vi è nessuno in casa.
Per questo, nei kit è predisposta una linea anti sabotaggio dell’allarme stesso. La sua funzionalità è di rilevare per tempo che tutti i dispositivi e i componenti funzionino al meglio tra di loro e che siano correttamente collegati alla centralina.

Permette una copertura sia quando il sistema è in funzione e sia quando è spento in maniera tale che non ci possano essere manomissioni di alcun genere come cavi tagliati, rimozioni di alcuni componenti e altro ancora. Con questo sistema, è sufficiente che una sola cosa sia fuoriposto e scatta l’allarme.

Solitamente si collega in serie tutti i dispositivi o componenti di cui si ha bisogno e questi vanno collegati ai morsetti presenti nella centrale. I morsetti antisabotaggio solitamente sono due, per questo è preferibile montare l’impianto in serie. Come ci insegnavano a scuola, con questo sistema è sufficiente che un punto sia aperto o chiuso per non far funzionare tutto il sistema (e far partire di conseguenza l’allarme anti sabotaggio).
Se si pensa di montare i morsetti antisabotaggio al sistema preparato in parallelo si corre il rischio che venga isolato solo un compontente, per esempio il sensore sulla porta sul retro, senza che scatti l’allarme e permettere a malintenzionati di entrare in casa.

Collegare il sistema in serie non è affatto complicato: ogni kit, infatti, dispone al proprio interno di tutte le istruzioni utili. E se questo non bastasse, spesso le case di produzione offrono ai propri clienti diverse ore di assistenza utilizzabili da telefono o pc.

Se si avesse qualche dubbio ancora, sul sito della casa di produzione o su internet è possibile trovare diversi tutorial che guidano passo passo nel montaggio del kit, dei morsetti anti sabotaggio e dei vari componenti. Molto utili e apprezzati sono anche i forum di discussione online in cui è possibile trovare risposte a tutte le domande e i dubbi che potrebbero sorgere.

Installazione allarme senza fili

Installazione allarme senza fili

Il mercato dei sistemi di allarme per l’abitazione o il luogo di lavoro é sempre più ampio. Ogni giorno la tecnologia presente viene sviluppata, integrata ed adattata alle sempre crescenti richieste di maggior sicurezza da parte dei cittadini. Nella scelta dell’impianto di allarme da utilizzare ci sono molti fattori da analizzare e da tenere in considerazione.

Bisognerà scegliere se avvalersi di rilevatori di movimento o di cambiamento improvviso di calore, se avete animali domestici dovrete optare per una tecnologia PET friendly che non faccia scattare l’allarme senza ragione per via del passaggio del vostro amico a quattro zampe. Dovrete poi considerare dove volete posizionare l’allarme, se si tratta di un luogo particolarmente esposto ai raggi solari o agli sbalzi di temperatura dovrete scegliere un modello immune a questi fattori. Volete anche un impianto di video sorveglianza oppure no? Se la risposta é si, volete una camera analogica o digitale? Volete effettuare le riprese durante il giorno o durante la notte?

Insomma, le domande da farsi e le risposte da darsi sono molte. Per venirvi in aiuto, in questa guida, vi aiuteremo a scoprire i vantaggi degli impianti di allarme senza fili e vi forniremo degli utili consigli all’installazione FAI DA TE. Gli impianti senza fili (o wireless) sono tra i più semplici ed intuitivi da installare ed impostare anche per chi non é un esperto nel settore. Come consiglio generale cercate di scegliere un impianto di allarme che non sia eccessivamente economico, potrebbe anche funzionare perfettamente ma il rischio che faccia scattare la sirena senza ragione é più elevato e per niente gradevole, specie se abitate in un condominio.

Cosa sono i sistemi di allarme senza fili?
Gli impianti di allarme senza fili sono quelli che non prevedono la connessione tramite cavi elettrici rendendoli immuni da sbalzi di tensione e assenza provvisoria di corrente elettrica e aumentando le possibilità di posizionamento nell’abitazione.
Come installare un sistema di allarme senza fili
Prima di procedere al montaggio vero e proprio occorrerà decidere dove e come posizionare il sistema di allarme scelto.

Come scegliere la posizione del sistema di allarme senza fili
A seconda del tipo di allarme scelto e dell’uso che se ne vuole fare dovrete scegliere la collocazione del sistema di sicurezza. I sensori ad infrarossi a tenda, ad esempio, vanno posizionati negli angoli superiori di porte e finestre e permettono di registrare qualunque cambio repentino di temperatura sotto la loro lente. Per altri sistemi di sicurezza wireless, come le camere IP, la posizione nella quale posizionarli é a vostra totale discrezione.
Dipende naturalmente dai punti più deboli della vostra abitazione. Non tutte le abitazione sono accessibili allo stesso modo, quelle al piano terra saranno più accessibili dall’esterno oppure quelle che hanno balconi facilmente scalabili e posizionati nella parte posteriore dell’abitazione, lontani dalla strada e quindi meno visibili. Alcune abitazioni hanno poi un garage o una cantina con una porta che li collega direttamente al cuore dell’abitazione.
Potreste scegliere, poi, di posizionarlo a vista per aumentarne l’effetto di deterrenza sui malintenzionati o nasconderli, per evitare i tentativi di manomissione da parte dei ladri più ostinati.

Come installare un sistema di allarme senza fili
Come già accennato, il montaggio degli impianti di allarme wireless é veramente semplice, lo possono fare tutti senza intoppi. Si tratta spesso di piccoli sensori di movimento o calore che richiedono una strumentazione basica per il fissaggio. Un trapano, un cacciavite e qualche tassello sono, nella maggior parte, sufficienti.
Nel caso dei sistemi a rilevazione infrarossi dovrete prestare attenzione a dove punta la lente. Dovrete perciò installarli in punti nei quali la superficie di apertura del possibile ingresso nell’abitazione sia coperta dai raggi infrarossi. Nell’esempio del sistema di allarme senza fili a tenda posizionato sulla finestra, ad esempio, dovrete fare in modo che l’apertura della finestra sia completamente coperta dai raggi, in modo che i ladri non possano aggirare il sistema di allarme. Dopo il montaggio potreste provare voi stessi ad accedere all’abitazione dall’esterno per verificare che l’allarme non possano essere aggirato. Nel caso di finestre, fatelo solo se l’abitazione si trova al piano terra!
Altri tipi di allarmi senza fili sono di tipo magnetico e quindi non necessitano di nessun tipo di attrezzatura per l’installazione.

Dovrete poi programmare la centralina che vi chiederà di inserire i numeri di telefono da chiamare in caso venga registrata un’anomalia. Potrete inserire il vostro numero di telefono, quello della Polizia o quello di un’Agenzia di Vigilanza privata, nel caso usufruiate di questo tipo di servizio. Dopo aver registrato i numeri di telefono dovrete recarvi alla più vicina Stazione di Polizia per la compilazione di un modulo, il modulo di allaccio ovvero il collegamento tra allarme e 113.

Bisognerà scegliere una Password di disattivazione dell’impianto. Valgono le regole basiche della scelta di tutte le Password, che non sia troppo facile, che non sia il vostro nome, di vostra moglie o dei vostri figli e che non sia la vostra data di nascita. Ricordate di non lasciare foglietti o post-it in giro con la Password scritta sopra. Anche se pensate si tratti di un nascondigli sicuro il luogo più sicuro é la vostra memoria.

Fatto questo potete eseguire un test di funzionamento e controllare lo stato delle batterie, come spiegato nelle Istruzioni presenti nel kit di acquisto del vostro impianto di allarme, ed il gioco é fatto. Il vostro sistema di allarme senza fili é installato e funzionante.

Eludere contatto magnetico

Eludere contatto magnetico

Dieci milioni di furti o tentativi di furto hanno riguardato il nostro Paese negli ultimi dieci anni. Si parla di 250.000 furti circa all’anno. Questi numeri hanno portato i cittadini a diventare esperti di modelli, installazione e programmazione di sistemi di allarme. Ma non solo noi ci informiamo e proteggiamo sempre più la nostra abitazione, anche i ladri si documentano su come i nostri allarmi funzionano e, soprattutto, su come manometterli.
Una innovazione nei sistemi di allarme per casa e ufficio sono stati senza dubbio gli allarmi senza filo di vario genere, ad infrarossi, a microonde e magnetici. Questi ultimi, quelli magnetici, sono particolarmente facili da installare e la loro tecnologia é molto semplice.

Come funzionano i sensori di allarme magnetici
Si tratta di due sensori posizionati sulle due ante della porta o della finestra che fanno scattare l’allarme nel caso vengano aperte. In commercio se ne trovano di vario genere, sia senza fili che a filo. Quelli wireless, senza fili, sono composti di una parte più grande in dimensione e di una più piccola, il magnete. L’allontanamento delle due parti di cui é composto il sensore fanno scattare l’allarme.
Non tutti i sensori magnetici sono senza filo, ci sono anche quelli chiamati “a sigaretta” che sono molto piccoli, come suggerisce il nome, e vengono inseriti direttamente all’interno dello stipite della porta o della finestra. Questo potrebbe anche ovviare al fattore estetico, anche se piccoli, due magneti sulla porta o sulla finestra potrebbero non essere piacevoli alla vista.
Questi sensori magnetici sono stati oggetto di critiche, si sono infatti verificati casi di manomissione e quindi, sempre più persone, si chiedono quanto sia facile nella realtà eludere questi allarmi. Vediamo allora come questi antifurto possono essere manomessi.

Come possono essere manomessi i sensori di allarme magnetici
Alcuni ritengono che sia sufficiente una semplice calamita per mettere fuori uso l’allarme. Il malintenzionato dovrebbe avere con sè una calamita. In questo modo, se il ladro apre la porta tenendo una calamita puntata nelle vicinanze del sensore, non si verificherà l’allontanamento tra sensore e calamita e l’allarme non scatterà, lasciando entrare il ladro senza troppi problemi.

Ma quanto é facile, nella pratica, eludere i sensori magnetici?
In realtà non é così semplice, il ladro dovrebbe sapere innanzitutto che i sensori sono presenti su quella determinata porta o finestra e poi dovrebbe sapere esattamente dove sono posizionati i due sensori. Avrebbe poi bisogno di una calamita di una certa dimensione, tale da influenzare il campo magnetico. E, non ultimo degli intoppi per il ladro, avrebbe a disposizione un solo tentativo per mettere fuori uso l’allarme.
Secondo gli esperti, questo tipo di manomissione era possibile per i sistemi di allarme magnetico più vecchi, che non era dotati di contatti REED. Questi contatti sono creati in maniera da non essere influenzati da altre fonti magnetiche, ovvero la calamita usata dal ladro.
Ma anche per i sistemi di allarme magnetico più attempati, tenete anche in considerazione che per fare questo c’é bisogno di un ladro esperto e, nella maggior parte dei casi, i tentativi di effrazione non vengono fatti da Lupin, in particolare se c’é la consapevolezza che c’é un sistema antifurto inserito.
Come difendersi dall’elusione dei contatti magnetici

Per evitare la manomissione del sistema di allarme é importare acquistare un sensore magnetico con tecnologia anti manomissione. Come abbiamo visto, i sensori magnetici con contatti REED ne sono dotati. Se un’altra fonte magnetica, una calamita, viene posizionata vicino al sensore quando gli infissi della finestra o le ante della porta sono chiuse, l’allarma scatterà in ogni caso.
A volte succede che il ladro sia qualcuno che ha già visitato casa nostra. Sono all’ordine del giorno i casi di finti impiegati delle società di energia elettrica o di gas che, con la scusa di leggere il contatore, entrano nella nostra abitazione. Hanno così modo di accertarsi del livello di sicurezza dell’abitazione, se sono presenti sensori di allarme e, soprattutto dove sono posizionati. Una buona strategia difensiva é spostare abbastanza spesso i sensori magnetici. Come abbiamo visto, il ladro ha a disposizione un solo tentativo per manometterli e deve sapere esattamente in che punto della porta sono collocati.

Come spostare gli allarmi con sensore magnetico
Se si tratta di sensori magnetici a filo, come quelli a sigaretta, sarà sufficiente disattivare la centralina per muoversi liberamente e cambiare la posizione dell’allarme. Se si tratta, invece, di sensori magnetici wireless, senza fili, dovrete impostare l’allarme in modalità manutenzione per poter procedere allo spostamento dei sensori senza far scattare l’allarme.

Insomma, anche se il rete esistono moltissimi video che mostrano come fare ad eludere i sensori magnetici non é così facile nella realtà. Avere un impianto di allarme, ovviamente, non ci terrà al sicuro al 100% ma con qualche accortezza la percentuale di protezione vi si avvicinerà di molto.
Ricordate di non affidarvi a marche sconosciute che promettono la protezione della vostra abitazione per pochi spiccioli, fate le dovute ricerche e cercate sempre di optare per un modello che offra garanzie contro la manomissione.

Miglior sensore d’antifurto

Miglior sensore d’antifurto

Spesso i malviventi agiscono nelle zone più vulnerabili delle case per introdursi all’interno, ossia nei punti dell’edificio più esterni ed esposti, sia che si tratti di piccoli appartamenti o di grandi case isolate. Parliamo delle porte, delle finestre o delle porte-finestre, i cosiddetti varchi: sono proprio questi gli accessi nel mirino dei ladri, poiché tali aperture consentono loro di entrare e compiere razzie. Pertanto vanno tutelate al meglio grazie ai sensori o rilevatori d’antifurto. Vediamo ora quali sono le caratteristiche di tre tipologie di sensori: sensore di vibrazione o inerziale, sensore infrarosso a tenda e contatti magnetici.

Sensore di vibrazione o inerziale: tale dispositivi è molto indicato per proteggere vetri o grate che non vengono aperti di contino, la sua utilità sta nel fatto che si attiva prima che i malviventi possano fare danni effettivi. Parliamo di sensori specifici per la protezione dei punti di accesso delle strutture contro i tentativi di scasso: ad esempio martellate, sfondamenti, uso di trapani e colpi vari. Si tratta di sensori molto efficaci per la rilevazione dell’irregolarità prima che venga realizzata l’apertura della dei serramenti, ma anche per individuare l’eventuale spaccatura dei vetri. Di solito questo tipo di sensore viene abbinato ai sensori perimetrali d’apertura, come ad esempio i contatti magnetici. I sensori di vibrazione o inerziali, dunque, rappresentano la scelta migliore se vi è la necessità di essere avvisati tempestivamente già al primo tentativo di manomissione.

Sensore infrarosso a tenda: questo tipo di rilevatore va applicato sulle porte e sulle finestre nel caso in cui non sia possibile installare un contatto d’apertura: il funzionamento è lo stesso, ma in questo caso si usano i sensori a raggi infrarossi. Tali dispositivi, in grado di coprire un angolo di 130 gradi, vanno posizionati al di sotto delle finestre, dei terrazzi, lungo il perimetro dei giardini, dei muri e delle recinzioni che circondano la casa e quindi il confine con vicini e con le strade adiacenti (è meglio occultarli alla vista di occhi indiscreti). Si tratta di apparecchi decisamente affidabili ed economici, anche se a volte possono originare i cosiddetti falsi allarmi (per esempio se un animale passeggia nell’ambiente monitorato, se un oggetto oscilla a causa del forte vento, se le foglie ricoprono il sensore, se le intemperie appannano il vetro e così via), specialmente se la qualità dei sensori è scarsa oppure se sono tarati male.

Contatti magnetici: si tratta di dispositivi molto diffusi per ciò che concerne le porte, in quanto sono semplici da montare, danno la segnalazione solo quando serve e sono economici. I contatti magnetici sono costituiti da due magneti, che possono avere forma rettangolare o cilindrica, e sono da incassare a scomparsa. Un magnete deve essere posizionato sulla finestra o sulla porta, mentre l’altro sul punto fisso della porta o della finestra. Quando i due magneti vengono separati l’uno dall’altro, quindi quando viene aperta la porta o la finestra, questa separazione dei due componenti fa scattare l’allarme.

Dopo questa lista di caratteristiche e funzionalità dei tre tipi di sensori, è possibile trovare questi sensori nei negozi oppure sui siti online specializzati, dove vi è la possibilità di trovare un ottimo rapporto qualità prezzo.

Installazione allarmi perimetrali: barriere infrarosso e rilevatori a tenda

Installazione allarmi perimetrali: barriere infrarosso e rilevatori a tenda

I punti di accesso delle abitazioni, ovvero le porte, le finestre, le porte-finestre, i terrazzi ecc., sono senza dubbio le zone più a rischio, poiché sono le più soggette ai tentativi di intrusione da parte di ladri e vandali. Fra gli obiettivi dei malviventi non ci sono soltanto le grandi ville piene di poggetti preziosi, ma anche le piccoli abitazioni, dalle case isolate ai condomini, soprattutto se si vive ai piani bassi dell’edificio. Acquistare un impianto di allarme, in tale panorama, è senza dubbio un buon deterrente per ostacolare l’azione dei malfattori: criminalità: ovviamente è fondamentale, all’interno della struttura posta sotto controllo, il corretto posizionamento dei sensori: parliamo di piccoli rilevatori che svolgono un ruolo di primaria importanza, ovvero realizzare delle vere e proprie barriere di protezione contro gli intrusi, sia che questi ultimi vengano dall’esterno o dall’interno dell’abitazione.

Di solito la più grande preoccupazione di chi sceglie di installare un sistema di antifurto riguarda l’eventualità di non poter tenere le finestre aperte, in special modo nel periodo estivo. Riguardo ciò non tutti sanno che con i sistemi di allarme perimetrale si può combinare senza problemi l’esigenza di avere aria fresca e pulita in casa con la necessità di stare al sicuro. Questo tipo di sistemi di allarme funzionano grazie ai sensori perimetrali: i più diffusi sono le barriere perimetrali, delle stecche di 20-30 centimetri da montare in coppia e in parallelo, tali da creare una vera e propria barriera invisibile di raggi infrarossi frontalmente alla finestra o alla porta-finestra. Quando il fascio degli infrarossi viene varcato, automaticamente viene trasmessa una segnalazione alla centrale d’allarme, che di conseguenza fa scattare l’allarme.

Molto utili anche i rilevatori singoli o a tenda, da posizionare singolarmente su una apertura: questi apparecchi sono capaci i coprire un angolo di 110-130°. Entrambi devono essere posizionati sotto le finestre, i balconi, i portici o lungo il perimetro dei cortili, dei muri e delle recinzioni che circondano la struttura e quindi il confine con la proprietà dei vicini e con la via adiacente (è consigliabile nasconderli alla vista di sconosciuti). Parliamo di dispositivi molto sicuri ed economici, anche a volte possono generare i falsi allarmi (ad esempio se un cane transita nella zona monitorata, se uno stendino per asciugare i vestiti oscilla per via del vento, se le foglie coprono il rilevatore, se la pioggia battente appanna il vetro ecc.), soprattutto se la qualità dei sensori è bassa o se sono tarati in maniera errata.

Questi dispositivi sono disponibili in commercio anche con funzionalità di anti-mascheramento e anti-strappo, o in modalità Pet friendly, perfetta quando ci sono nell’abitazione animali domestici liberi di spostarsi sia dentro che al di fuori della casa. Inoltre è bene precisare che quando si decide di procedere all’acquisto, è importante valutare attentamente il grado di protezione dei sensori, poiché più risulta elevato, più sarà capace di resistere agli urti ed agli agenti atmosferici. Infine, per ciò che concerne i prezzi, questi ultimi dipendono soprattutto dal tipo di tecnologia impiegata, dalle funzioni e dalla portata dei dispositivi.