Le caratteristiche e i vantaggi delle migliori telecamere di videosorveglianza

Le caratteristiche e i vantaggi delle migliori telecamere di videosorveglianza

Per tentare di definire quali sono le migliori telecamere di videosorveglianza, cerchiamo di capire quali sono le loro caratteristiche. In questo modo potremo fare la scelta migliore, scegliendo i prodotti che possono fare al caso nostro, fra le numerose opzioni presenti sul mercato. Ci sono infatti dei fattori che devono essere tenuti in considerazione anche per quanto riguarda i vantaggi che queste telecamere di videosorveglianza possono rappresentare. In generale possiamo dire che le migliori telecamere di sicurezza sono quelle che aumentano il livello di protezione della nostra abitazione e quindi scegliere di integrarle all’antifurto è davvero essenziale.

Le telecamere di videosorveglianza senza fili

Una tipologia di telecamere di videosorveglianza che aumentano il grado di sicurezza in casa è rappresentata dalle telecamere senza fili, quelle wireless. Sono dei prodotti che in genere presentano un design minimal, hanno delle piccole dimensioni per integrarsi perfettamente all’interno dell’abitazione.

Le possiamo posizionare dove vogliamo, perché hanno un impatto visivo veramente piccolo e si adattano ad ogni tipo di arredamento. Le telecamere di videosorveglianza senza fili possono essere installate in tutti i tipi di case e sono utili sia per lo spazio interno che per lo spazio esterno dell’abitazione.

In genere si tratta di telecamere IP, che presentano un ampio angolo di visione e hanno delle opportunità e delle performance elevate per quanto riguarda lo zoom digitale. Consentono di registrare qualsiasi evento e di archiviarlo eventualmente su un cloud dedicato. Alcuni modelli sono dotati anche di un microfono e di un altoparlante integrati, in modo da non disporre soltanto delle immagini, ma anche per poter ascoltare.

Le telecamere per la videosorveglianza sono facili da installare, perché non richiedono nemmeno la messa in atto di opere di muratura.

Le caratteristiche delle telecamere di sicurezza

Le telecamere per la videosorveglianza si rivelano importanti anche perché, installate per esempio sul posto di lavoro, possono contribuire alla produttività del nostro business. Hanno delle caratteristiche interessanti, che le rendono utilizzabili in completa comodità.

Fra queste caratteristiche dobbiamo sicuramente ricordare il controllo, attraverso apposite app, da smartphone e da tablet, per poter avere la situazione sotto controllo in qualunque momento e in qualsiasi situazione anche in mobilità.

Registrazioni delle telecamere di videosorveglianza: chi le può visionare?

Registrazioni delle telecamere di videosorveglianza: chi le può visionare?

Chi può visionare le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza? Le telecamere di sicurezza, quelle utilizzate per la videosorveglianza, sono ormai dei dispositivi molto utilizzati, visto che si dimostrano particolarmente utili per aumentare la sicurezza nelle aree private. Vengono spesso utilizzate non soltanto per proteggere le case, ma anche le attività commerciali. È molto importante disporre di queste telecamere per la videosorveglianza, perché si può avere un controllo preciso di quello che accade nelle aree che appartengono alla proprietà privata, anche visionando le registrazioni che vengono custodite nei sistemi.

La questione della visione delle registrazioni

C’è una questione aperta sulla visione delle registrazioni delle telecamere di sicurezza, specialmente quando le videocamere per la videosorveglianza sono connesse alle applicazioni per smartphone e per tablet. Infatti con le app possiamo accedere alle immagini registrate in qualunque momento, anche in tempo reale, per monitorare ciò che accade negli ambienti protetti.

Non dobbiamo dimenticare che se integriamo il nostro impianto di videosorveglianza con una memory card o con una memoria in cloud, possiamo consultare anche le immagini registrate che si riferiscono non soltanto alla situazione in tempo reale, ma anche a tutto ciò che è successo nei giorni precedenti.

È da chiarire però a questo proposito che la visione di queste registrazioni spetta soltanto al proprietario dell’impianto.

Le tipologie di archiviazione

Ma quante tipologie di archiviazione abbiamo a disposizione? Vi abbiamo fatto già cenno, parlando della memory card e della memoria in cloud. La scheda di memoria è molto utile, perché può essere inserita all’interno dei dispositivi e può registrare ciò che più riteniamo necessario. Ovviamente dobbiamo tenere conto dello spazio che la scheda ha a disposizione per l’archiviazione delle immagini che ci servono.

Un altro metodo di archiviazione è rappresentato dall’hard disk del computer. Un hard disk può avere più spazio di una semplice scheda di memoria, però se pensiamo di voler archiviare tantissime registrazioni, dobbiamo necessariamente provvedere a fare spazio nell’hard disk, cancellando dei contenuti che non utilizziamo più, perché altrimenti anche l’hard disk si riempirà molto facilmente.

Inoltre pensiamo anche all’archiviazione in cloud, che risulta molto comoda perché non bisogna scaricare nessun software. È sufficiente avere una connessione ad internet e i dati di accesso al servizio per poter archiviare le immagini.

Le telecamere solari per la sicurezza della casa

Le telecamere solari per la sicurezza della casa

Spesso si sente parlare di telecamere solari, ma di che cosa si tratta? La protezione di una casa è un aspetto da tenere in grande considerazione, in maniera particolare per evitare l’eventualità di furti nell’abitazione o di intrusioni non autorizzate da parte di terze persone. Insomma, si tratta di un fattore da non trascurare assolutamente. Questo non vuol dire, però, che non si debba trattare di un elemento sostenibile. Quando parliamo di sostenibilità facciamo riferimento anche alla possibilità di rispettare l’ambiente, non rinunciando in ogni caso al risparmio, anche dal punto di vista economico. A questo proposito, per la sicurezza in casa, possono essere d’aiuto proprio le telecamere solari, con pannelli fotovoltaici. Vediamo di scoprirne di più su questo argomento.

Dei prodotti tecnologici innovativi

Sfruttare il meccanismo di funzionamento delle telecamere con pannelli solari significa avere a disposizione sempre uno strumento interessante, utile e pratico per garantire la videosorveglianza nella nostra abitazione, in maniera particolare facendo riferimento agli spazi esterni della casa.

Pensiamo per esempio ad una villa con giardino, magari in un’area della città piuttosto isolata. In casi come questo delle telecamere di videosorveglianza possono esserci molto utili, anche se scegliamo delle telecamere solari.

Questi prodotti, frutto delle innovative tecnologie nel settore, possiedono una struttura impermeabile, oltre che sensori di movimento e anche il sistema che assicura una perfetta visione notturna.

Sono semplici da installare e funzionano in modo molto pratico, dando anche l’opportunità di un controllo da remoto, semplicemente utilizzando una comoda app per smartphone o per tablet.

I vantaggi delle telecamere solari

La possibilità di utilizzare l’energia solare è sicuramente molto vantaggiosa, soprattutto in alcuni periodi dell’anno in cui i raggi solari abbondano, come per esempio nel corso della stagione estiva.

Inoltre usare i pannelli fotovoltaici per le telecamere consente di usufruire di un certo risparmio economico e può essere molto utile in diverse occasioni, quando ad esempio non è possibile utilizzare la corrente elettrica, perché una casa o un magazzino non sono raggiunti dall’elettricità.

In tutte queste situazioni può essere importante rivolgersi alle caratteristiche e al funzionamento delle telecamere con pannelli solari per la videosorveglianza, un sistema utile e molto pratico.

Non dimentichiamo poi che spesso queste telecamere vengono vendute in pratici kit pre-configurati, che possono essere installati in modo semplice da coloro che li acquistano, senza ricorrere all’aiuto da parte di tecnici.

Motion tracking e riconoscimento facciale per la sicurezza

Motion tracking e riconoscimento facciale per la sicurezza

Hai mai sentito parlare di motion tracking e di riconoscimento facciale? Le nuove tecnologie ci permettono di vivere la nostra quotidianità in maniera più semplice e certamente in modo più sicuro, tenendo conto degli ultimi ritrovati anche nell’ambito della sicurezza e della protezione per la nostra abitazione. I sistemi antifurto che abbiamo a disposizione attualmente si basano anche sulla messa a punto di servizi che possiamo definire intelligenti, come quelli che riguardano la rilevazione del movimento e il riconoscimento del volto.

Le moderne tecnologie per la protezione

A questo proposito non possiamo non citare le rivoluzionarie telecamere che possiamo trovare attualmente in commercio, le quali mettono a disposizione differenti funzionalità innovative dal punto di vista tecnologico, anche in merito al settore del riconoscimento facciale e a quello della rilevazione dei movimenti in una determinata area da monitorare.

Questi sistemi rappresentano delle telecamere che permettono di effettuare un controllo costante e in tempo reale, sia nelle ore diurne che in quelle notturne, grazie alla presenza di un’illuminazione ad infrarossi integrata in questi elementi per la videosorveglianza.

Le moderne tecnologie a disposizione consentono quindi ad esempio di apprendere i volti delle persone di una famiglia, avvisando se ad esempio i componenti della famiglia sono all’interno dell’abitazione o inviando delle notifiche se una persona estranea passa davanti alla telecamera.

Le soluzioni in commercio consentono di impostare le segnalazioni e di specificare quali notifiche e quali messaggi si vogliono ricevere, impostando anche delle regole ben precise per decidere quali eventi si vogliono registrare. Questi accessori possono essere integrati perfettamente con i sistemi antifurto e di allarme che sono presenti in commercio e offrono una protezione davvero completa.

Accessori intelligenti per la sicurezza

Le telecamere con funzioni di motion tracking e di riconoscimento facciale sono, quindi, molto utili perché funzionano in modo intelligente e consentono di ricevere degli avvisi direttamente sullo smartphone. Funzionano con tecnologie ad alta risoluzione e possono essere installate sulle pareti, ma anche su qualsiasi altro elemento, grazie ai supporti di cui questi kit sono dotati.

Inoltre possiedono anche delle funzioni antifurto, con altoparlante e microfono. Si tratta di funzioni avanzate molto interessanti, che permettono ad esempio di intervenire in tempo reale. Se per esempio si scopre un tentativo di intrusione nella propria abitazione, si potrà intervenire direttamente con la voce, grazie al microfono integrato. È un ottimo modo per avere sempre sotto controllo la situazione, anche quando non si è in casa.

I vantaggi delle applicazioni per telecamere di sorveglianza

I vantaggi delle applicazioni per telecamere di sorveglianza

Una delle ultime tecnologie che più viene apprezzata nell’ambito dei sistemi di sicurezza riguarda la possibilità di attivare un controllo da remoto per le telecamere di videosorveglianza. Le applicazioni per le telecamere di videosorveglianza da questo punto di vista sono davvero molte. Il meccanismo di funzionamento non è affatto molto complesso, perché si tratta di videocamere che vengono montate in maniera molto semplice e si collegano poi ad internet, per offrirci tante possibilità. Soprattutto perché con il nostro smartphone, ovunque noi ci troviamo, possiamo vedere in qualsiasi momento qual è la situazione in casa.

Le caratteristiche delle telecamere con controllo da remoto

Ci sono tanti modelli disponibili in commercio e soprattutto bisogna scegliere in base alle caratteristiche che più riteniamo facciano al caso nostro. Tuttavia è pur vero che una telecamera di videosorveglianza va scelta anche tenendo conto della qualità delle immagini.

Gli ultimi modelli, anche quelli che consentono il controllo da remoto, possono contare da questo punto di vista su ottime caratteristiche per quanto riguarda la risoluzione e i pixel, con la possibilità di registrare video e riprendere immagini in Full HD.

Ci sono in commercio anche modelli in 4K, però, se vogliamo utilizzare queste telecamere, dobbiamo considerare di attivare anche la banda larga, in modo che i video possano essere trasmessi su internet in maniera efficace.

Come funziona una telecamera con controllo da remoto

È bene essere anche consapevoli nel riuscire a comprendere più in fondo come funziona una telecamera con il controllo da remoto. Quando la telecamera viene configurata e connessa alla rete, inizia a controllare la zona da proteggere.

Nel momento in cui dovesse rilevare un movimento sospetto, invia un segnale di allarme alla centralina. È proprio da qui che parte il segnale, che, tramite internet, arriva al nostro smartphone.

Tramite un’app, che può variare a seconda del modello di telecamera, non solo possiamo visionare in tempo reale quello che sta accadendo nel luogo protetto, ma possiamo anche ascoltare eventuali conversazioni tramite il microfono incorporato. Di questi modelli di telecamere che si controllano da remoto esistono sia quelli che fanno parte di un sistema cablato che quelli che si integrano perfettamente anche in un antifurto wireless.

Cartello delle telecamere di videosorveglianza: cosa indicare

Cartello delle telecamere di videosorveglianza: cosa indicare

Il cartello delle telecamere di videosorveglianza è un accessorio fondamentale quando si installa un sistema di questo tipo, ad esempio nei pressi di un edificio o comunque in qualsiasi area da sottoporre a controllo e a monitoraggio attraverso delle telecamere specifiche. Ma quali sono le normative che riguardano il cartello di avviso per le telecamere di videosorveglianza? Senza dubbio è bene considerare che è obbligatorio installare un cartello di segnalazione in presenza di un sistema di videosorveglianza. Se il cartello non è presente o è compilato in modo errato, potrebbero intervenire delle sanzioni, che possono essere anche di un importo elevato.

Il cartello di avviso è obbligatorio

Il cartello per le telecamere di videosorveglianza, come abbiamo visto, è obbligatorio in presenza di un sistema che effettua delle riprese, perché in ogni caso si tratta di registrazioni che riguardano dei dati personali che vengono considerati sensibili.

Per questo motivo è essenziale sistemare anche un cartello di avviso che informi della registrazione. Non è sufficiente che nel cartello sia indicata soltanto la dicitura di area videosorvegliata, ma devono essere presenti anche altre indicazioni precise.

Le indicazioni che devono essere presenti

Tra le indicazioni che devono essere presenti in un cartello di avviso di questo tipo c’è quella che riguarda il nome del responsabile o comunque di chi conserva i dati registrati con le telecamere. Per questo deve essere presente sempre la dicitura “la registrazione è effettuata da” seguita dal nome e dal cognome del responsabile.

Inoltre deve essere presente la dicitura “per fini di”, seguita dai motivi per i quali si effettua la registrazione delle immagini. Secondo le norme, infatti, devono essere necessarie delle motivazioni importanti alla base delle registrazioni effettuate con le telecamere.

Ricordiamo inoltre che non sono stabilite dalle normative delle particolari quantità in merito al numero dei cartelli delle telecamere di videosorveglianza da posizionare in un determinato luogo. Non importa quindi quanti siano i cartelli, è essenziale però che questi avvisi siano individuabili e visibili in modo semplice. Sarebbe importante posizionare i cartelli delle telecamere di sorveglianza in modo da avvertire chi si avvicina al luogo in cui sono presenti le telecamere, anche prima che entri nell’area sottoposta al controllo con le registrazioni.

È bene quindi sempre essere informati sulle normative in vigore anche in questo settore, anche per evitare possibili sanzioni elevate.

Telecamera videosorveglianza 360 gradi: come funziona

Telecamera videosorveglianza 360 gradi: come funziona

Nell’ambito della sicurezza, affidarsi ad un sistema di videosorveglianza tramite telecamere è davvero importante per proteggere la propria abitazione. Tra l’altro le innovazioni tecnologiche ci permettono di usufruire di strumenti davvero efficienti, come la telecamera di videosorveglianza a 360 gradi. Queste telecamere sono molto importanti, perché il rischio di intrusione non può essere sottovalutato. Ma a proposito di videosorveglianza con telecamera a 360 gradi, come funzionano questi dispositivi? Vediamo di scoprirne di più.

Che cos’è una telecamera a 360 gradi

La telecamera di videosorveglianza a 360 gradi è uno strumento molto efficiente, che può muoversi contemporaneamente sia orizzontalmente da destra a sinistra sia in modo verticale, verso l’alto e verso il basso. Inoltre, grazie alle funzionalità di cui è dotata, può ingrandire o ridurre le immagini.

Questo tipo di telecamere può essere installato sia all’interno che all’esterno delle abitazioni. Il fatto che queste telecamere possono ruotare a 360 gradi dà anche l’opportunità di inquadrare oggetti che sono posti al di sotto di esse.

Come avviene l’installazione della telecamera di videosorveglianza

Scegliere il modello di telecamera di videosorveglianza più adatto alle proprie esigenze è davvero fondamentale. Soprattutto considera, quando devi installare un dispositivo di questo genere, qual è lo scopo dell’attività per cui decidi per un dispositivo del genere e tieni conto del luogo in cui le videocamere devono essere installate.

Considera se le telecamere, anche quelle a 360 gradi, devono essere nascoste o essere ben visibili in modo che possano fungere da deterrente e valuta se ci sono eventuali zone con scarsa illuminazione.

L’importanza del campo visivo e della risoluzione

Gli elementi fondamentali di una telecamera, da valutare con attenzione al momento della scelta, sono quelli che riguardano il campo visivo e la risoluzione. Il campo visivo indica l’ampiezza della zona che si riesce ad inquadrare.

Quindi per esempio le telecamere a 360 gradi possono rappresentare un’ottima alternativa. In particolare un parametro molto importante è rappresentato dalla lunghezza focale. Quando quest’ultima è corta, la telecamera può registrare un campo visivo più grande e viceversa.

La risoluzione invece è essenziale per garantire la possibilità di avere a disposizione delle scene nitide e di alta qualità. È molto importante scegliere una telecamera ad alta risoluzione, in modo che anche nel caso dell’attivazione dello zoom, per aree vaste da sorvegliare, si riesca a mantenere la qualità delle immagini.

Quanti tipi di telecamere esistono?

Quanti tipi di telecamere esistono?

Quanti tipi di telecamere esistono? Specialmente negli ultimi tempi c’è stato un grande successo e un’importante diffusione degli impianti di videosorveglianza. Tutto ciò ha determinato uno sviluppo di telecamere di vario genere, di differenti tipologie, ciascuna delle quali si adatta alle esigenze degli utenti. Ma vediamo quali sono le principali tipologie di telecamere che puoi installare in casa per aumentare la sicurezza relativa alla tua abitazione.

Le telecamere fisse e quelle motorizzate

In base alla zona da tenere sotto controllo, puoi scegliere le telecamere fisse e motorizzate. In genere, se devi tenere sotto controllo una porta, un cancello o comunque una zona circoscritta, potresti rivolgerti all’uso della telecamera fissa. Esistono comunque delle telecamere con un posizionamento che si può regolare da remoto e che può essere utile nel caso in cui devi adottare più telecamere, quando l’area da tenere sotto controllo è più ampia.

Le telecamere analogiche e quelle digitali

Le telecamere analogiche e le telecamere digitali: in che cosa si differenziano? I principali sistemi di videosorveglianza si distinguono in questo modo in base alla connessione tra la telecamera e il monitor.

Nelle analogiche il segnale di uscita della telecamera è di tipo analogico. Nelle telecamere digitali, dette anche IP, il segnale esce sul cavo LAN. Quest’ultimo può trasmettere anche i comandi per la telecamera, sempre per il controllo da remoto.

Le telecamere wireless

Le telecamere wireless sono quelle senza fili, che, quindi, non prevedono un sistema cablato di installazione e possono essere molto utili quando c’è un problema di accesso alla rete LAN. La trasmissione wifi viene intercettata da degli apparecchi che possono essere integrati anche per gestire più sensori nello stesso tempo.

Le telecamere da interno e quelle da esterno

In base ad un’altra tipologia, si può fare un’altra distinzione tra le telecamere da interno e quelle da esterno. Quelle da esterno si configurano rispetto a quelle interne per una migliore robustezza e per la resistenza agli agenti atmosferici.

Infatti possono resistere meglio alle variazioni di temperatura, alla polvere o all’umidità. Di solito le telecamere per esterno sono protette da un involucro che evita che il sensore subisca dei danneggiamenti.

La scelta giusta dipende sempre dalle tue esigenze e dall’area, interna o esterna all’abitazione, che hai la necessità di videosorvegliare.

Obbligo di misurazione della temperatura? Le telecamere termiche nella fase 2 coronavirus.

Obbligo di misurazione della temperatura? Le telecamere termiche nella fase 2 coronavirus.

L’emergenza coronavirus sembra essere finita e tra qualche giorno partirà la cosiddetta fase 2 che comunque imporrà non pochi obblighi, a tutti ovviamente, ma soprattutto alle aziende.

Infatti, anche se terminata l’emergenza, nell’immediato futuro comunque bisognerà fare i conti con la presenza del covid 19; quindi il problema della convivenza con persone che possono manifestare stati febbrili ed eventualmente essere affette da coronavirus va affrontato e risolto.

Per questo sembra essere imminente l’obbligo di controllare i punti di accesso agli edifici con termoscanner o telecamere termiche.

Questi dispositivi consentono di effettuare la rilevazione e misurazione della temperatura corporea ed utilizzano la tecnologia del rilevamento termografico di un corpo, che normalmente emette radiazione infrarossa.

Le telecamere termiche o termografiche moderne consentono di effettuare questa misurazione in automatico e senza necessità di altre apparecchiature, a differenza dei termoscanner tradizionali che invece devono essere utilizzati da un operatore che effettui la misurazione.

Il settore della sicurezza offre diverse soluzioni che si differenziano in base a caratteristiche e prezzo.

E’ facile trovare soluzioni tra i marchi più conosciuti (Hikvision, Dahua, Axis, Flir, Bosch, per citare i più conosciuti) ma occorre valutare attentamente le caratteristiche in base alle reali esigenze e ambiti applicativi oltre che il budget a disposizione.

Limitandosi esclusivamente a valutare un prodotto professionale può essere presa come esempio la telecamera termica che troviamo su Casasicura, sito di riferimento del settore della sicurezza.

La termocamera proposta ha innanzitutto un prezzo molto basso per le caratteristiche e tecnologie di cui dispone; paragonandola a telecamere termiche di altri marchi si possono riscontrare pari caratteristiche o addirittura migliori.

Le principali caratteristiche in dettaglio: telecamera termografica con tecnologia bispectrum, doppio sensore ottico e termico, rilevamento volti, misurazione e visualizzazione temperatura, funzione di alert in caso di temperatura superiore ai 37,3°C, controllo locale e remoto sia video che eventi, notifica push su APP.

Si può installare a parete o a soffitto in punti di passaggio obbligato o di accesso ai locali interni. Il dispositivo è capace di effettuare in totale autonomia la misurazione istantanea della temperatura corporea di una o più persone presenti nell’area inquadrata e segnalare con messaggio vocale.

Quando la temperatura supera i 37,3°C viene generato un allarme con sirena e notifica istantanea su APP, e possono essere collegati uno o più dispositivi. Da evidenziare che questa termocamera può essere utilizzata anche senza internet e si collega direttamente a smartphone, tablet o TV.

Tecnologia, facilità di utilizzo e prezzo, queste sono le valutazioni da fare per la scelta migliore.

Maggiori dettagli sul sito www.casasicura.it

La protezione dei campi

La protezione dei campi

Le proprietà da difendere dall’attenzione dei ladri sono molteplici e così anche gli antifurti adatti. Ci sono gli appartamenti per i quali è sufficiente un semplice impianto di allarme; ci sono poi gli esercizi commerciali dove può essere utile installare anche un nebbiogeno; c’è chi invece deve monitorare un parcheggio aziendale e opta per un sistema di videosorveglianza. Ma chi, oltre a dover proteggere la casa, deve fare lo stesso con un terreno agricolo, tra quali soluzioni può orientarsi?

Innanzitutto vanno considerate alcune varianti. Primo, la casa è fornita di impianto antifurto? Se la riposta è affermativa, per la protezione del terreno si potrebbero installare dei sensori collegati alla centralina nell’abitazione. In questo caso quelli più indicati sono i sensori wireless a barriera o volumetrici, sempre che sia fattibile la loro installazione presso il terreno. Optando per questa soluzione si avrebbe il vantaggio di avere un sistema unico in grado di proteggere integralmente la proprietà e avvisarci in caso effrazione. Prima di fare questa scelta, però, va tenuta presente la distanza tra il terreno e la casa dove c’è la centrale.

Qualora la distanza fosse eccessiva, si potrebbe adottare un’alternativa: la videosorveglianza. Installare delle telecamere direttamente sul perimetro di casa. Perché la soluzione si riveli efficace è necessario che l’obiettivo delle telecamere scelte arrivi fino al terreno da monitorare e soprattutto che le telecamere stesse siano munite di motion detection, cioè della tecnologia che permette loro di rilevare i movimenti e registrarli. Inoltre il sistema deve avere la possibilità di inviare segnalazioni dei movimenti al proprietario del terreno.

Come si vede le soluzioni ci sono, basta capire le proprie esigenze. I sensori costano meno di un sistema di videosorveglianza, ma questa permette di ovviare a eventuali problemi di installazione dei sensori derivanti dall’eccessiva distanza dalla centralina e le relative difficoltà di comunicazione.