Connessione internet e videosorveglianza: cosa sapere

Connessione internet e videosorveglianza: cosa sapere

In molti stanno integrando ai classici impianti di antifurto un sistema di videosorveglianza. Per fruire delle telecamere di videosorveglianza, però, è necessario disporre di una connessione ad internet. Scopriamo di più.

In teoria, è possibile tramettere i video raccolti dalle telecamere sfruttando sia la connessione su rete cellulare che su linea fissa e in entrambi i modi non si dovrebbe riscontrare alcun problema.

Quando, però, si va nella pratica, è necessario valutare bene la velocità di connessione, così da poter vedere fluidamente e senza scatti lo streaming delle telecamere in casa. La valutazione di questa velocità è necessaria sia quando parliamo di connessione fissa che mobile. Infatti, non è affatto raro che il collegamento su rete cellulare sia più veloce rispetto a quello fisso tradizione.

Se, invece, si vuole controllare la propria casa o proprietà tramite smartphone, questo problema esiste ancora meno. Questo avviene perché la trasmissione per cellulari viene ottimizzata e ridotta in risoluzione. Così questa trasmissione risulta più leggera e necessita di meno banda.

Pertanto, per avere la garanzia di una connettività sempre affidabile e costante, il nostro consiglio è quello di controllare sempre bene la qualità del segnale dei diversi operatori prima di acquistare una SIM. I diversi operatori, anche in base alla collocazione geografica, possono disporre di velocità diverse. Per questo, se si verificano dei problemi con un tipo di operatori, magari con un altro potrebbe non esserci alcun disturbo. La cosa più importante è, ovviamente, avere un’ottima fluidità di trasmissione.

Kit di videosorveglianza fai da te: tutti i vantaggi

Kit di videosorveglianza fai da te: tutti i vantaggi

Negli ultimi anni, nel mondo della videosorveglianza sono stati compiuti passi da gigante. Per darvi un’idea dei progressi tecnologici, negli anni ottanta si è partiti con semplici sistemi antifurto, negli anni novanta si è poi passati ai tvcc a circuito chiuso, per arrivare oggi ai sistemi di sorveglianza con controllo remoto.

Per mostrare ancora meglio i passi compiuti, un altro elemento importante può essere dire che, fino a qualche anno fa, privati e aziende si rivolgevano ai professionisti del settore per installare questi impianti. Ora, al contrario, grazie ai kit di videosorveglianza fai da te, è possibile montarli autonomamente e senza problemi. E i vantaggi non sono pochi.

Installando da soli un sistema di videosorveglianza, potrete, prima di tutto, risparmiare notevolmente sui costi. Non avrete neppure troppi problemi a trovare quello che fa per voi: sul web, infatti, sono molteplici le proposte e il numero dei kit a disposizione. L’ampia scelta vi garantisce di trovare quello adatto alle proprie esigenze. Esistono, poi, anche dei kit professionali di alta qualità che ugualmente sono montabili in completa indipendenza. Inoltre, all’interno dei kit in vendità, troverete delle spiegazioni di solito chiare ed esaurienti che vi accompagneranno passo dopo passo in tutte le fasi di realizzazione dell’impianto.

Prima di acquistarlo, però, è necessario porsi alcune domande riguardo all’utilizzo che ne farete e alle vostre aspettative. Potrete, così, acquistare le telecamere più adatte alle vostre richieste. Poi, bisognerà individuare bene le zone soggette alla sorveglianza e dividere quelle illuminate da quelle senza. Infatti, le zone buie avranno bisogno di telecamere con infrarossi calibrate in base all’ampiezza dell’area e alla distanza di ripresa. Per i kit più economici questo genere di ragionamento è inutile, in quanto le telecamere hanno una focale standard predefinita che si adatta alle varie situazioni di luminosità.

Grazie ai progressi tecnologici, i kit di videosorveglianza consentono di tenere sotto controllo qualsiasi ambiente anche da remoto. In questo modo, anche quando si è in vacanza o fuori sede, potrete avere sott’occhio i vostri beni e potrete controllare se avvengono intrusioni da malintenzionati, verificare che non vi siano danni e monitorare persone vulnerabili come anziani o bambini. I vantaggi, quindi, non pochi e di poco conto.

Il kit è solitamente composto da:

  • telecamere che si definisce a seconda delle esigenze;
  • un VCR digitale in grado di registrare direttamente i video su hard disk;
  • un monitor per visualizzare le immagini;
  • un personal computer per gestire tutto il sistema.

Come allestire il kit videosorveglianza fai da te viene in genere spiegato in maniera chiara e semplice nel libretto delle istruzioni incluso. Pertanto, sarà sufficiente posizionare in modo intelligente le videocamere, studiando bene l’ambiente da proteggere. Vi consigliamo, infine, di installare le videocamere in modo da riprendere anche porte e finestre. Questi sono punti vulnerabili da tenere sotto controllo in maniera particolare, come pure gli oggetti di valore da custodire e salvaguardare.

Alimentatori per la videosorveglianza: proprietà, vantaggi e svantaggi

Alimentatori per la videosorveglianza: proprietà, vantaggi e svantaggi

Nell’era contemporanea, la tecnologia risulta sempre più preponderante ed essenziale nella vita di tutti i giorni: tutto, si sa, è sempre più veloce ed intuitivo per via delle innovazioni del settore tecnologico. In tale panorama, anche nel campo dei sistemi di videosorveglianza si è ampliato di molto l’orizzonte delle applicazione che la tecnica offe alle persone, sia in ambito privato che pubblico. Così come avviene per tutti i dispositivi tecnologici, anche un impianto di videosorveglianza deve essere alimentato; questi sistemi, pertanto, vanno collegati ad una presa elettrica per ricevere la corrente, operare al meglio e svolgere il compito per il quale sono stati ideati ed installati. In tale contesto, una delle problematiche principali per l’installazione delle telecamere di videosorveglianza riguarda il fatto di dover collocare ognuna di esse in un punto in cui può essere alimentata. Ovviamente tale criticità può essere tranquillamente superata in quanto esistono alimentatori pensati e progettati proprio per la videosorveglianza, con funzioni, requisiti e caratteristiche mirati e specifici per tali dispositivi di sicurezza.

Per poter rispondere concretamente alla difficoltà di collocare ogni telecamera ed ogni apparecchio del sistema in prossimità di una fonte di energia elettrica, è possibile ricorrere ad uno specifico alimentatore con un livello di potenza sufficiente da collegare alla linea elettrica, in grado di alimentare tutto l’impianto di videosorveglianza. Tale soluzione si rivela la migliore per vari motivi, primo fra tutti la possibilità di possedere una sola presa della corrente sfruttata dall’impianto; a questo punto resta soltanto l’incombenza di far passare tutti i cavi dell’alimentazione fino a farli giungere all’alimentatore unico. Quest’ultimo, inoltre, funge da vero e proprio schermo protettivo per tutti gli apparecchi ad esso collegati; infatti sia gli sbalzi di tensione che le altre problematiche di natura elettrica, vengono completamente assorbiti senza arrivare a danneggiare i dispositivi, salvaguardandoli in questa maniera da eventuali future sostituzioni. Per fare un esempio concreto, pensiamo ad un fulmine che colpisce la vostra abitazione: a quel punto la potente scarica elettrica verrà totalmente assorbita dall’alimentatore, salvando così gli altri dispositivi, fra cui le telecamere, il monitor e il videoregistratore.

In questo modo il danno si limiterà, come generalmente avviene, soltanto alla sostituzione dell’alimentatore. Detto ciò, è bene sottolineare che l’alimentatore, da solo, non garantisce la continuità del funzionamento del sistema. Per esempio, in caso di mancanza di corrente o di blackout elettrico, l’impianto di videosorveglianza si spegne, agevolando in tal modo l’eventuale azione di ladri e vandali. Addirittura, accade anche che tali malfattori, per poter entrare indisturbati nelle abitazioni o nelle strutture protette, siano essi stessi a disattivare l’elettricità, creandosi così un varco dove agire inosservati. Per fortuna, in commercio si possono trovare dei gruppi di continuità in grado di mantenere attivo il sistema di videosorveglianza anche quando manca l’energia elettrica. Tali dispositivi, in sostanza, funzionano allo stesso modo degli alimentatori, ma sono pensati e progettati per essere capaci di generare essi stessi una certa quantità di energia per la durata di qualche ora, evitando così il rischio di effrazione o di danneggiamenti da parte di ospiti indesiderati.

Come proteggere il Digital Video Recorder

Come proteggere il Digital Video Recorder

Con la denominazione Digital Video Recorder ci riferiamo in sostanza alla versione digitale, innovativa e moderna del classico videoregistratore: questo dispositivo è uno degli elementi più importanti all’interno di un sistema di videosorveglianza, poiché è proprio grazie ad esso che vengono archiviate e conservate tutte le immagini frutto delle registrazioni delle videocamere. Il Digital Video Recorder ha il compito di comprime in maniera digitale le immagini, per poi custodirle in uno specifico hard disk. In tale contesto, cosa potrebbe succedere se durante un tentativo di effrazione i malviventi mettessero le mani sul Digital Video Recorder rovinandolo o perfino rubandolo per non rendere visibili le immagini registrate dall’impianto per la videosorveglianza? Sfortunatamente l’eventualità che ciò accada è assai comune, principalmente perché il Digital Video Recorder è il componente più importante dell’intero impianto, e i malfattori lo sanno bene.

Forse non ci viene immediatamente da riflettere su tutto ciò, tuttavia risulta di grande importanza salvaguardare il proprio Digital Video Recorder dai possibili pericoli. Molte persone pensano in modo errato che una soluzione per mantenere in sicurezza il proprio videoregistratore Digital Video Recorder riguardi il suo posizionamento nell’edificio, ad esempio in punti strategici in alto dell’abitazione in cui si presume sia ben occultato e lontano dagli ospiti indesiderati; in poche parole, tale metodo risulta inutile, in quanto non solo è scomodo per raggiungere il dispositivo quando è necessario usufruirne, ma è anche poco sicuro, poiché i ladri saranno comunque capaci di individuarlo e di danneggiarlo per impedire all’utente di visionare proprio quelle immagini che possono identificarli e quindi incastrarli. Pertanto, è chiaro che posizionare il Digital Video Recorder in un angolo nascosto o in cima ad un mobile non basta: per evitare davvero che i ladri siano in grado di sabotare o rubare il Digital Video Recorder, è indispensabile acquistare degli specifici armadietti ideati e realizzati per contenere e tutelare il Digital Video Recorder. Tali armadi si chiudono tramite dei lucchetti e delle serrature difficili da forzare, vengono costruiti su misura e sono in grado contenere all’interno non solo il Digital Video Recorder, ma anche gli altri apparecchi della videosorveglianza.

In questo contesto, anche se l’acquisto di un armadietto per proteggere il Digital Video Recorder ha sicuramente un costo aggiuntivo per il cittadino che decide di installare un impianto per la videosorveglianza, è anche vero ed indubbio che rende l’uso del Digital Video Recorder più facile e agevole, in quanto il videoregistratore digitale risulta sempre a portata q quindi fruibile per poter pianificare le registrazioni, rivedere i video, modificare l’hard disk oppure gli orari. Pertanto, si può infine asserire con certezza che il prezzo di un armadietto per salvaguardare il Digital Video Recorder è certamente giustificato dal costo del Digital Video Recorder, poiché una sua eventuale rottura per mano dei malviventi andrebbe a gravare molto di più rispetto alla spesa iniziale supplementare dotarsi di un armadietto di protezione. Una scelta più che logica, quindi, è quella di prevenire eventuali problematiche future ed acquistare un armadietto per tutelare a 360 gradi il vostro prezioso videoregistratore digitale Digital Video Recorder.

I sistemi di videosorveglianza nei condomini

I sistemi di videosorveglianza nei condomini

La videosorveglianza nei condomini è uno di quei temi caldi su cui conviene restare sempre aggiornati. Infatti, di privacy e sicurezza si parla tanto e sono tante le accortezze da seguire per fare tutto secondo le regole. Soprattutto perché le regole cambiano spesso. Recentemente, infatti, è stata approvata dal Parlamento una nuova normativa. Da ora è possibile installare dei sistemi di videosorveglianza con la sola maggioranza e non più con l’unanimità totale dei condomini.

Ciò significa che, da ora, l’amministratore condominiale, dopo l’assemblea si è espressa e facendosi carico delle misure previste per la tutela dei dati personali dal provvedimento generale del Garante in materia di videosorveglianza, può dare il via alle procedure per l‘installazione di un impianto di videosorveglianza. Questa installazione, però, deve necessariamente rispettare le seguenti semplici regole:

  • l’affissione di cartelli che segnalano la presenza dell’impianto;
  • la definizione dei tempi di conservazione delle immagini acquisiste;
  • l’individuazione dei soggetti addetti alla visione delle immagini;
  • la nomina di un responsabile del trattamento delle immagini.

Inoltre, se richiesto, è necessario richiedere una verifica preliminare al Garante della Privacy.

L’amministratore condominiale ha una grande responsabilità, poiché, nel caso in cui anche solo alcuni di questi adempimenti non venissero rispettati, si finirebbe per incorrere in sanzioni amministrative, penali e civili.

Altro aspetto da rimarcare è che quanto detto sopra esclude ugualmente tutti quei sistemi di videosorveglianza installati per la protezione di spazi privati. Parliamo ad esempio di cantine, garage, box auto, appartamenti. In queste circostanze, infatti, resta l’obbligo di adottare le previste cautele a tutela di terzi.

Videosorveglianza in condominio

Videosorveglianza in condominio

La sicurezza delle nostre case rispetto alle effrazioni e agli atti vandalici rappresenta, oggigiorno, una tematica molto calda e soprattutto attuale. Mentre in passato le persone frequentemente risiedevano nelle proprie abitazioni spesso e volentieri con la aperta d’ingresso aperta, attualmente per diverse ragioni ciò risulta quasi sempre impensabile. Impianti di antifurto e porte blindate vengono installati sempre più spesso in tantissime case. In questo contesto l’ideale, ovviamente, sarebbe fare in modo che i ladri alla porta neanche ci sopraggiungano, o, nel disgraziato caso in cui riescano a portare a termine un furto, vengano poi rapidamente identificati. Per ciò che concerne queste ultime due questioni, attualmente la tecnologia ci consente di installare a costi contenuti, sistemi per la videosorveglianza, soprattutto all’interno dei condomini sta divenendo piuttosto consueta.

Nelle aree comuni del condominio, e in special modo nelle zone topiche quali per esempio la porta d’ingresso e i corridoi d’accesso, vengono posizionate le telecamere connesse via cavo schermato oppure con linea LAN (se digitali) ad un altro ambiente, per esempio una camera comune, dove vengono installati gli altri dispositivi che compongono il sistema. In tale contesto avremo il videoregistratore digitale Digital Video Recorder di videosorveglianza, che ha il compito di connettere le telecamere presenti e di registrarne i video. Le immagini si potranno registrare in continuo oppure soltanto nel momento in cui il software del dispositivo capta la presenza di corpi in movimento all’interno del raggio d’inquadratura. Il Digital Video Recorder è generalmente fornito di modem per la connessione ad Internet, che permette la visualizzazione delle riprese anche a distanza. Il monitor completa la dotazione di base del sistema per la videosorveglianza condominiale. Decisamente utile, negli impianti per condominio, è la presenza di telecamere connesse al Digital Video Recorder attraverso Wi-Fi; tale meccanismo permette di sottrarsi alle connessioni fisiche, ovvero agli interventi di muratura per creare le tracce per i cavi.

Un’altra questione fondamentale per i sistemi di videosorveglianza nei condomini risulta quella legale, sia per quanto riguarda la Privacy, sia per il processo di approvazione e di installazione del sistema stesso. Fortunatamente, a definire la situazione, ci ha pensato la legge del 18 giugno del 2013, denominata “Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici”. Attraverso questa legge viene stabilito che anche per l’installazione di un sistema per la videosorveglianza devono dare parere favorevole almeno il 50 % dei membri dell’assemblea di condominio, i quali devono però avere almeno il 50 % dei millesimi. Per ciò che concerne la questione della Privacy, anche per il sistema di videosorveglianza nel condominio vigono delle specifiche regole previste nei provvedimenti del 29 aprile 2004 e dell’8 aprile 2010, relative ai filmati nelle zone comuni, specialmente condominiali. Tra le norme da seguire, una decisamente discussa riguarda la reale necessità di questa tipologia di sistemi di sicurezza, i quali potrebbero interferire con l’abituale condotta dei condomini e dei cittadini che entrano nell’ambiente condominiale. Pertanto l’installazione di un sistema per la videosorveglianza risulta legittimo soltanto se altri impianti di allarme non sono adottabili, oppure nel caso in cui si siano già verificati vicende di furti o di effrazioni.

Videosorveglianza: i vantaggi del controllo da remoto

Videosorveglianza: i vantaggi del controllo da remoto

Nell’era contemporanea, come ben si sa, Tablet e Smartphone sono sempre più protagonisti delle nostre vite: tutto, oggigiorno, risulta più smart, semplice e possibile. Anche il settore dei sistemi per la videosorveglianza ha allargato da un bel po’ le prospettive in direzione delle svariate possibilità che la tecnologia è capace di offrire a tutti. Per esempio, il controllo a distanza della propria casa fa toccare livelli di serenità e di sicurezza notevolmente elevati, non soltanto per ciò che riguarda le abitazioni private ma anche per gli ambiti professionali come i negozi, gli uffici, le aziende, i locali commerciali e così via. Smartphone e Tablet ci forniscono la capacità di godere, in modo intuitivo, di servizi che in passato non si potevano neanche immaginare; lo stesso discorso vale per gli impianti di videosorveglianza, in quanto questi dispositivi, in passato appannaggio di poche realtà, attualmente consentono a tantissimi utenti di monitorare le case o le attività commerciali da remoto, perfino da altri Stati. Tutto ciò risulta possibile, per l’appunto, grazie al controllo a distanza, che estende di gran lunga il grado di sicurezza e dà l’opportunità di avere sott’occhio l’edificio usando pochi ma semplici apparecchi.

Dopo aver definito il tipo di monitoraggio da remoto che si vuole ottenere per sorvegliare e proteggere la casa, per realizzare il controllo a distanza risultano indispensabili due dispositivi, ossia un Network Video Recorder e le telecamere IP (Internet Protocol), ovvero delle videocamere che si collegano alla rete sia locale che Internet attraverso un cavo Ethernet oppure tramite la modalità wireless (senza fili); detto ciò, basterà configurare la rete con i parametri IP, utilizzando il proprio router o modem. A questo punto c’è una precisazione da fare, ossia che le telecamere più recenti risultano sì più costose, ma al contempo sono in grado di consentire una comunicazione diretta con lo Smartphone ed il Tablet anche aggirando l’utilizzo del modem oppure del router. Tutto ciò dà al proprietario di avere sotto controllo, ventiquattro ore su ventiquattro, quello che accade in casa a 360 gradi.

Vediamo ora quali sono le possibili modalità di controllo da remoto: in questo contesto, moltissimo dipende dal tipo di telecamere di videosorveglianza, ad esempio le telecamere IP di fascia bassa permettono all’utente di vedere le immagini in tempo reale sia su Smartphone che su Tablet, ma in tale circostanza la connessione alla rete internet degli apparecchi mobili deve essere alquanto potente per poter consentire la buona riuscita dello streaming video. In alternativa ci sono le telecamere IP, sia nella versione Bullet che in quella Dome, che consentono di zoomare, inquadrare i piccoli dettagli, scattare i fermo immagine e roteare per via della dotazione di determinati software che vengono forniti al momento dell’acquisto. In questo caso, sia lo Smartphone che il Tablet divengono il vero e proprio terminale tramite il quale gestire le telecamere e monitorare la struttura a distanza. Infine, sono da annoverare anche le telecamere di fascia elevata, le quali si azionano in maniera automatica riconoscendo il movimento e permettendo anch’esse il controllo a distanza.

Videosorveglianza su internet

Videosorveglianza su internet

Il settore della videosorveglianza su internet è attualmente al centro di una fervente discussione fra chi la ritiene il futuro e fra coloro che al contrario ritengono che possa rappresentare un grande problema per la sicurezza del proprio impianto di videosorveglianza. In questo contesto, iniziamo da un fatto, ovvero dalla possibilità che un hacker riesca ad entrare in un sistema di sicurezza; in passato un hacker molto abile è riuscito addirittura ad eludere le difese del Pentagono, penetrando nel loro sistema di sicurezza online. Ovviamente, si tratta di un caso limite, che nella fattispecie richiede tantissimo tempo e delle competenze fuori dal comune per la maggior parte degli individui. Detto ciò, è un fatto che la videosorveglianza in internet non sarà mai sicura al 100 %, ciò nonostante non risulta per nulla semplice abbattere le resistenze ed hackerare l’impianto, in quanto sono indispensabili delle tecnologie specifiche e molte altre competenze informatiche.

Pertanto, possiamo dire che un sistema può essere violato, ma esistono sempre delle soluzioni per aumentare la sicurezza seguendo delle semplici regole. Innanzitutto, per quanto riguarda il videoregistratore Digital Video Recorder, è sempre meglio dotarsi di un sistema innovativo ed avanzato per poter assicurare la realizzazione di una rete con una protezione di base già elevata in partenza. Inoltre, è consigliabile non usare mai la porta 80, ossia quella usata solitamente per l’accesso alla rete internet: sostituirla, infatti, renderebbe il lavoro assai complicato ad un’eventuale hacker, in quanto per penetrare nel sistema dovrà per forza conoscere qual è la porta usata per la connessione alla rete. Un altro accorgimento è anche quello di cambiare la password con cadenza regolare, usando nella composizione del codice sia lettere che numeri.

Dunque, seguendo queste piccole ed importanti accortezze, potremmo riuscire senza criticità a rendere le cose molto complicate al nostro eventuale nemico, il quale, oltre a dover ricavare la password e la porta usata per la connessione, dovrà inevitabilmente sapere anche l’indirizzo IP della rete. Si tratta di questioni non da poco anche per un hacker molto esperto, il quale avrà sicuramente più interesse ad entrare in sistemi ben più appetibili rispetto a quelli di videocamere che sorvegliano una semplice abitazione. Un hacker, infatti, dovrebbe avere una valevole motivazione per cercare una maniera per entrare nelle vostre difese spendendo tempo e sforzi in tali attività.

Dopo queste considerazioni, risulta palese che un sistema per la videosorveglianza in internet resta una soluzione assai valida, in quanto la comodità nella gestione permette all’utente di poterlo regolare e controllare anche a distanza da apparecchi come lo Smartphone, il Tablet o il personal computer. La videosorveglianza su internet è semplice da utilizzare proprio perché si può gestire comodamente dal pc di casa e risulta anche molto potente, in quanto si possono sfruttare diversi software per ingrandire il servizio offerto dalle telecamere di videosorveglianza. Concludendo, la lontana possibilità che il sistema di videosorveglianza in internet possa essere forzato da un genio dell’informatica, non può rappresentare una motivazione sufficiente per desistere dal dotarsi di un impianto di videosorveglianza di questa tipologia.

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Fino a oltre un decennio fa, le società che trattavano i sistemi di videosorveglianza erano davvero pochissime, soprattutto nell’ambito degli impianti di sicurezza con possibilità di gestione a distanza. Infatti, intorno alla fine degli anni 90’, internet era diffuso solo nelle grandi aziende, pertanto i sistemi con controllo a distanza venivano collocati unicamente all’interno delle banche, delle ambasciate, dei grandi musei, dei locali delle forze dell’ordine, delle stazioni con i pozzi di petrolio o più in generale di ambienti in cui si presupponevano dei rischi elevati. Successivamente, con la diffusione della rete internet, la situazione è cambiata progressivamente, sino a giungere all’era contemporanea con la proliferazione dell’ADSL; in questo contesto anche il settore della videosorveglianza è cambiato notevolmente, proponendo sul mercato i videoregistratori digitali Digital Video Recorder con presa di rete LAN, facili da connettere ad internet e visualizzabili tramite la rete usando un personal computer, un Tablet o uno Smartphone, sia Iphone che Samsung con sistema Android.

Da qualche anno a questa parte, tutti i videoregistratori Digital Video Recorder sono passati da una compressione MJPEG ad una H.264, raggiungendo in tal modo un livello di compressione superiore, capace di far prolungare il numero dei giorni di registrazione senza al contempo far diminuire la qualità, accrescendo anche la velocità della trasmissione dello streaming video. In tale panorama, l’espansione della rete internet e la diffusione degli Smartphone ha ampliato considerevolmente la vendita dei sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione anche per gli utenti privati, che oltre a rispondere al meglio alle necessità di sicurezza per i propri beni, riescono a visionare la propria casa in modo facile, comodo e intuitivo attraverso il telefono cellulare, ogni qualvolta che lo desiderano anche da remoto.

Inoltre, la legge sulla Privacy, ha agevolato notevolmente l’installazione dei sistemi per la videosorveglianza in campo domestico, consentendo a tutti i proprietari di abitazioni, che siano grandi ville o mini appartamenti, di installare il proprio sistema TVCC senza eccessive problematiche ed intoppi burocratici. Per ciò che concerne l’ambito professionale, la legge sulla videosorveglianza risulta senza dubbio più articolata e particolareggiata, ma inoltrando lo specifico modulo presso l’ufficio del lavoro ed adeguandosi alle normative in vigore (se necessario in alcuni contesti bisogna sottoscrivere un accordo con i rappresentanti sindacali dell’azienda), si può installare un sistema per la videosorveglianza anche nelle attività commerciali, negli uffici, nelle fabbriche, nelle aziende, nei negozi e così via.

In questo contesto, è importante sottolineare che la questione Privacy, nel campo della videosorveglianza, è una questione importante e di grandissima attualità. In Italia, infatti, tutto il procedimento di ripresa e di registrazione dei video generati dalle telecamere, è regolamentato da diversi decreti legislativi che hanno essenzialmente due scopi: informare le persone che vengono riprese, esplicitare la natura del trattamento delle immagini e chi ne sia il l’autore. Parliamo di una lista di informazioni che devono essere sempre ben comprensibili e visibili grazie all’installazione obbligatoria di specifici cartelli, che vanno posizionati in aree visibili; inoltre le autorità competenti devono essere a conoscenza dell’ubicazione delle telecamere per darne o meno l’autorizzazione.

Speed Dome: la telecamera che guarda a 360 gradi

Speed Dome: la telecamera che guarda a 360 gradi

Da un decennio a questa parte lo sviluppo in campo tecnologico sta compiendo passi da gigante, e con esso le proposte delle aziende che producono prodotti per la sicurezza e sistemi per la videosorveglianza. Se si è in cerca di una telecamera capace di monitorare il balcone di una casa, bisogna tener presente che tanti modelli presenti attualmente in commercio non riescono ad assicurare una copertura totale e, conseguentemente, lasciano prive di copertura diverse aree poste al di fuori dell’abitazione (i cosiddetti punti morti). Come fare per sopperire a tale problema? Prima di tutto è necessario scartare da un eventuale acquisto le telecamere che girano, in quanto lascerebbero comunque dei punti scoperti. Stesso discorso per le telecamere di tipo grandangolare, perché la copertura di tali dispositivi raggiunge un massimo di 90 gradi. Idem per le telecamere super-grandangolari, le quali non superano i 120 gradi. Dunque, quali sono le telecamere giuste da acquistare per avere una copertura completa del proprio immobile?

La scelta giusta, in questo contesto, è rappresentata dalle telecamere Speed Dome, dispositivi ideali per chi desidera avere un impianto per la videosorveglianza funzionale, produttivo e di alta qualità. Tali telecamere si possono facilmente mimetizzare, al punto da essere usare spesso negli ambienti pubblici come ad esempio parchi o autostrade, e sono capaci di effettuare una rotazione a 360 gradi: pertanto rappresentano il non plus ultra per controllare vasti spazi senza il problema dei punti morti. Questi apparecchi sono concepiti e ideati per essere un occhio vigile e veloce, con la possibilità di essere diretti con gestione da remoto tramite una specifica console. Le Speed Dome, dunque, rappresentano la scelta più innovativa a livello tecnologico, in quanto sono capaci di soddisfare al meglio qualsiasi necessità di controllo e di comando da remoto delle telecamere stesse.

Entrando nel particolare, le prestazioni delle telecamere Speed Dome sono di alto livello per via dei potenti zoom in dotazione che vanno da 18x con autofocus. Il montaggio si realizza su una base rotante, e la rotazione a 360 gradi si verifica in una manciata di secondi grazie a specifici motori in DC. Inoltre, a copertura e tutela delle Speed Dome è presente una cupola trasparente. Per quanto riguarda il funzionamento di queste telecamere, c’è bisogno di un collegamento video che non si discosti troppo da quello di una telecamera analogica standard e di un comando del movimento, realizzato solitamente tramite una linea seriale RS485 oppure RS422. A tale linea vanno collegati gli apparecchi, identificati ognuno da un apposito indirizzo preimpostato con uno specifico ponticello oppure con dei microinterruttori.

Per ciò che concerne la gestione delle telecamere Speed Dome, questa fase si realizza tramite specifiche consolle dotate di joystick e di collegamento alla linea seriale. Il ruolo della consolle riguarda l’invio dei comandi attraverso un determinato protocollo di comunicazione denominato Pelco P/D (si tratta del più noto). Attualmente, il numero degli apparecchi usati per la videoregistrazione digitale che incorpora tali protocolli si è alzato notevolmente per permettere all’utente di gestire una specifica zona direttamente dal videoregistratore, bypassando di fatto la consolle.