Immagini e videosorveglianza: come migliorarle

immagini
Immagini e videosorveglianza: come migliorarle 4.10/5 (82.00%) 4 voti

Non è inusuale che le immagini o i video catturati dalle telecamere di videosorveglianze vengano sfocate o rovinate. Sono tanti i fattori che possono incidere: poca illuminazione, maltempo, un cattivo posizionamento della videocamera, passaggio veloce del soggetto da identificare possono rendere immagini sfocate, con effetto “blur” e, quindi, inutilizzabili. C’è allora un modo per migliorare foto e video delle telecamere di videosorveglianza? Scopriamolo insieme.

Il fotoritocco

Non vi stupirà saperlo: diversi programmi di fotoritocco possono esserci d’aiuto. Oppure spesso può bastare lavorare un po’ sul contrasto e sulla luminosità per migliorare le immagini. In questi casi, un semplice filtro “Sharpen” può andar bene, ma è possibile affidarsi a diversi plugin per Photoshop, come Neat Image, che è anche un programma standalone. Questo programma è in grado di eliminare la grana di foto fatte ad altissimi ISO.

FIVE

Qualora, però, le immagini o le riprese effettuate con le telecamere di videosorveglianza dovessero essere utilizzate come prove in una causa legale, vi toccherà optare su programmi come Five di Amped.

Stiamo parlando di una società italiana che ha messo a punto un software in collaborazione con i Ris di Parma ed è stato già utilizzato per le indagini di casi spinosissimi. Amped FIVE, l’acronimo di “Forensic Image and Video Enhancement”, è stato progettato in collaborazione con diverse istituzioni specializzate e ricercatori universitari con esperienza nel campo della scienza forense e criminologia.

Questo programma si basa su un potente algoritmo in grado di migliorare l’aspetto di video e foto catturati con telecamere di videosorveglianza. Permette di rendere le foto e i video migliori anche quando questi presentano bassa risoluzione, eccessiva compressione, sfocate, con effetto blur in movimento, con bassa luminosità e contrasto, con eccessiva grana di fondo. Rende, pertanto, possibile individuare con precisione facce e volti inquadrati, leggibili targhe e modelli di auto, migliora video troppo scuri e stabilizza video traballanti.

Inoltre, tutti i passaggi nel miglioramento delle immagini sono ricostruibili. Questa caratteristica lo rende accettabile nei tribunali. Quindi, non solo è utile per le riprese di privati cittadini, ma è anche strategico nella videosorveglianza della sicurezza aziendale e, soprattutto, nella sicurezza pubblica. Infatti, comuni come quello di Siena, Torino e Monfalcone lo hanno in uso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *