Quale cavo per videosorveglianza scegliere?

quale cavo per videosorveglianza
Quale cavo per videosorveglianza scegliere? 4.20/5 (84.00%) 2 voti

Quale cavo per videosorveglianza scegliere? Se fino a qualche anno fa la scelta di un cavo per le telecamere di videosorveglianza era qualcosa di molto semplice, adesso le possibilità sul mercato sono veramente tante e bisogna di conseguenza agire tenendo in considerazione i vantaggi e i possibili svantaggi di una soluzione rispetto ad un’altra. Non si tratta ovviamente solo di considerare il prezzo dei vari cavi presenti in commercio, ma anche di assicurare una certa qualità all’intero impianto di videosorveglianza. Vediamo quali sono le opportunità a nostra disposizione.

Il cavo coassiale e il cavo UTP

Uno dei cavi più comunemente utilizzati nell’ambito di un sistema di videosorveglianza è quello coassiale. Si tratta di un cavo abbastanza economico, anche perché per il suo impiego non è necessario utilizzare altri supporti.

Il coassiale è un cavo che viene schermato nei confronti delle interferenze di tipo elettromagnetico. Si tratta di una soluzione adeguata soprattutto per le distanze non eccessive, considerando che, proprio a causa della schermatura, potrebbe mettere a disposizione meno punti di connessione, con una possibile perdita del segnale in certe situazioni.

Passiamo adesso ad analizzare le caratteristiche del cavo UTP. Quest’ultimo è un cavo che viene considerato tra le ultime novità del settore. Ha un peso inferiore rispetto al coassiale e si adatta in maniera semplice al budget che si ha a disposizione.

Questo cavo in genere viene impiegato nel caso delle telecamere IP, ma bisogna considerare che ha una minore schermatura nei confronti delle interferenze elettromagnetiche rispetto a quanto avviene nel caso del cavo coassiale.

La soluzione della fibra ottica

C’è poi un’altra soluzione molto interessante, che viene sempre più impiegata negli ultimi tempi. Stiamo parlando della fibra ottica, un elemento avanzato dal punto di vista tecnologico, che non è soggetto ad interferenze e che non può essere facilmente intercettato.

Quella della fibra ottica è una buona soluzione ad esempio per impianti posizionati all’esterno di un edificio o comunque per sistemi che vengono messi a punto su lunghe distanze.

Ricordiamo sempre che è essenziale, nella scelta di un prodotto di questo tipo, rivolgersi a degli esperti del settore, anche per saperne di più sulle caratteristiche da tenere in considerazione in base all’impianto che si ha nell’immobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *