Consigli per un buon antifurto casa

Vota il post

Al giorno d’oggi la tecnologia ci viene incontro e ci aiuta nel personalizzare e realizzare il nostro antifurto casa secondo le proprie esigenze. Ora vogliamo dare qualche consiglio per guidarvi nel mondo degli allarmi e antifurti per abitazione.

Partiamo dagli antifurti anti intrusione,
quelli che ci segnalano un effrazione o un tentativo di entrata nella nostra casa da parte di sconosciuti. Il sistema in questione si basa su sensori da esterno che avvisano per tempo quando i malviventi stanno tentando di entrare. Vanno messi sui cancelli, sulle recinzioni dei giardini o sul perimetro dei terrazzi o, addirittura, sull’esterno delle finestre lasciando però liberi gli animali di muoversi (non devono scattare ad esempio quando gatti o uccelli passano attraverso i sensori). L’allarme scatta appena il ladro si avvicina. Un’alternativa può essere l’impianto volumetrico che copre l’intero spazio del giardino o del terrazzo per impedire al malvivente di muoversi e di dirigersi verso le aperture per forzarle.
Più di tutto conta la scelta dell’azienda che progetterà e installerà l’impianti perché la tranquillità della famiglia non può essere affidata come sovente avviene a un semplice elettricista con un risparmio che si rivela spesso inesistente.

Uno stesso impianto antintrusione può non essere adatto alle ville o ad appartamenti simili per superfìci e tipologia perché le esigenze di ciascuna famiglia sono diverse. L’impianto di videosorveglianza (o tv a circuito chiuso, Tvcc), per esempio, non va installato ovunque e per qualsiasi situazione. Questo tipo di impanto serve fondamentalmente a rendere visibili e controllabili dall’interno e in remoto luoghi altrimenti invisibili o lontani dalla nostra casa come il garage, il ripostiglio, siepi alte e fitte, porte di servizio, cancelli, scale isolate, recinzioni perimetrali. Chi abita in case isolate ha un vero e proprio terrore dei piccoli malviventi che spesso sono violenti e i| poter controllare sul monitor ciò che accade intorno alla casa dà una grande tranquillità. Ma anche per gli appartamenti la Tvcc i può risolvere il problema dei terrazzi, visto che i vicini difficilmente si muovono in aiuto.

La videosorveglianza:
un impianto del genere è costituito da un sistema che tramite telecamere, collegamenti trasmettitori, via filo o wireless, invia le immagini (e le registra) al monitor anche in remoto o sul cellulare. Le telecamere migliori per gli antifurti casa di videosorveglianza sono le DOME (vedono a 360 gradi) o speed dome, in grado di attivarsi in orizzontale ed in verticale a ogni movimento ; i migliori marchi che producono le spy cam sono: Axis, Bosch, Samsung, Dias, Mobotix, Sony. Da scartare le piccole webcam, quelle da pochi spiccioli, non danno immagini nitide, e se c’è poca luminosità non rendono bene.

Un antifurto casa economico è rappresentato da Videoalarm di TecnoAlarm che ha una tecnologia chiamata RDV (remote digital verification). La centralina a seguito di una chiamata di allarme verifica, tramite controllo remoto del centro servizi, se si tratta di reale tentativo di intrusione o se si tratta di un allarme accidentale. Successivamente darà la comunicazione. Tutta la casa compreso il terrazzo, si vede sul monitor touch-screen ed è possibile aggiungere anche automazioni domotiche casalinghe.

Progettare un antifurto casa e farlo convivere con i vecchi sistemi di allarme:
quando esiste già un sistema antintrusione che deve essere integrato con un sistema di videosorveglianza ci si può orientre sullo Xanboo. Prodotto dalla Hcsa è un modem-router integrabile nella centrale, che con le telecamere (fino a otto a colori) fa vedere in remoto via Internet con pc, notebook o cellulare in tempo reale la casa grazie al server della Hcsa. Si può anche comandare l’orientamento delle telecamere via Pc per avere in tempo reale la visualizzazione della propria casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *