Guida configurazione telecamera ip wi fi apexis foscam similari

Guida configurazione telecamera ip wi fi apexis foscam similari 4.20/5 (84.00%) 4 voti

Al giorno d’oggi il discorso degli antifurto e dei sistemi d’allarme per le abitazioni, indipendenti o appartamenti che siano, risulta più che mai fondamentale. Ricevere una visita dai topi d’appartamento non è mai buona cosa, ma si possono prevenire questi spiacevoli inconvenienti prendendo qualche piccola precauzione dal punto di vista della sicurezza della propria casa e facendo ricorso all’installazione di oggetti utili alla salvaguardia della stessa. Tra i sistemi di allarme più efficienti vi sono le telecamere IP a circuito chiuso, direttamente collegate alla rete Wi-Fi dell’appartamento. Contrariamente a quanto ci si aspetti, l’installazione di questo tipo di telecamere non discosta molto da modello a modello, qualunque sia la marca a cui fanno riferimento: Apexis, Foscam, Sricam, D-Link sono solo alcuni dei nomi sinonimo di sicurezza ed efficienza, ma la configurazione di ciascun modello è pressoché la medesima.
Gli attuali sistemi di telecamere IP in circolazione prediligono la facilità d’installazione pur non rinunciando ad una certa professionalità dal punto di vista del funzionamento: tali telecamere, infatti, registrano i video non appena vengono registrati movimenti anomali all’interno degli ambienti da monitorare, il tutto badando bene a non salvare filmati a vuoto, ovvero in momenti in cui non sono presenti cambiamenti nelle aree interessate. Vediamo subito un esempio.

1) La connessione della telecamera al modem Wi-Fi.
Per configurare una qualsiasi telecamera IP dotata di sistema Wi-Fi, come la maggior parte delle telecamere presenti al giorno d’oggi sul mercato, sarà necessario innanzitutto connettersi alla rete della propria abitazione. Ogni dispositivo collegato alla rete Wi-Fi domestica è dotato di un indirizzo IP specifico, come una sorta di numero d’identificazione unico assegnato al momento della connessione, e lo stesso vale per la vostra telecamera. Per individuare l’indirizzo in questione dovrete collegare l’oggetto al PC, il quale dovrà essere necessariamente connesso a internet. Per effettuare il collegamento avvaletevi di un comune cavo ethernet, come quello presente all’interno della confezione del vostro modem e dotato di doppio ingresso. Una volta effettuato il collegamento, dovrete ricorrere all’utilizzo di un programma specifico per la rilevazione dell’indirizzo. “Advanced IP Scanner” fa al caso vostro, poiché vi permetterà di rilevare il numero in questione semplicemente avviando il software e riconoscendo la telecamera in vostro possesso.

2) L’utilizzo del browser per creare il collegamento.
Rilevato l’indirizzo IP, recatevi nel browser che usate solitamente per navigare in internet. Inserite l’indirizzo nella barra di ricerca, aggiungendo la dicitura “:81//index.htm”. A questo punto vi verrà richiesto di effettuare una sorta di login per accedere all’utilizzo della telecamera; i dati richiesti dal login riguardano il nome utente e la password, entrambi presenti o sull’oggetto da installare o nella sua confezione. Una volta inseriti i dati avrete accesso alle impostazioni specifiche della telecamera; impostate i settaggi che preferite, così da far funzionare l’oggetto a seconda delle vostre necessità.

3) Il collegamento alla rete Wi-Fi.
A questo punto è il momento di collegare la telecamera alla connessione Wi-Fi dell’abitazione, facendo a meno del cavo ethernet. Per far ciò, recatevi nuovamente tra le impostazioni specifiche dell’oggetto come fatto in precedenza, dopodiché inserite la password del vostro modem allo stesso modo di quando collegate nuovi dispositivi alla rete. Il gioco è fatto. Per altre informazioni consultate il manuale di istruzioni presente all’interno della confezione della vostra telecamera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *