Sensori di allarme a tendina: caratteristiche e come funzionano

sensori allarme a tendina
4.6/5 - (11 votes)

I sensori di allarme a tendina hanno innumerevoli vantaggi, di cui è bene essere consapevoli. Si tratta spesso di sensori antifurto per esterno, che contribuiscono, insieme ai sensori interni, a dare un maggior livello di sicurezza alla nostra casa. Per riuscire a tutelare le persone che abitano in casa e gli eventuali beni che possiamo avere nella nostra abitazione, è essenziale informarsi bene e scoprire che cosa sono e come funzionano i sensori esterni a tenda. Andiamo a vedere tutto più nello specifico.

Come funzionano i sensori per antifurto a tenda

Parlando di antifurto a tenda si deve fare un esplicito riferimento ai sensori a tendina. Essi vengono installati soprattutto nella parte anteriore o posteriore delle finestre. Si chiamano a tenda, perché questo termine fa allusione a quel fascio di infrarossi che forma una sorta di tenda.

Quest’ultima viene formata per coprire uno dei possibili ingressi di malintenzionati che si introducono in casa nostra. Ci sono diverse opzioni con cui adoperare i sensori a tendina. Infatti essi possono segnalare la presenza indesiderata di qualcuno, ma in certi casi possono produrre una sorta di barriera anti ladro.

Che tipo di tecnologia viene usata

In genere l’antifurto che utilizza i sensori a tendina sfrutta due tipologie di tecnologie. Una di queste si basa sulle microonde e l’altra sugli infrarossi. Le iper frequenze microonde riescono ad analizzare qualsiasi corpo in movimento. Gli infrarossi, invece, si concentrano sulle radiazioni emesse dalla temperatura corporea.

Sfruttando un doppio sistema si ha la possibilità di aumentare il grado di sicurezza e di evitare falsi allarmi.

I vantaggi dei sensori a tenda

I sensori a tenda, come abbiamo già specificato, sono in grado di apportare diversi vantaggi, compresa quella di una garanzia della protezione 24 ore su 24. Possono essere molto utili da sfruttare anche quando il proprietario della casa non si trovi nei paraggi.

Questo tipo di sensori di cui stiamo parlando è molto facile da installare. Infatti non occorre mettere dei cavi e non bisogna realizzare opere di muratura. Non esistono dei limiti per quanto riguarda le dimensioni, perché i sensori a tendina possono essere installati anche in spazi ristretti. Col sistema di protezione interno, anche quando la centralina subisse dei danni, comunque la barriera risulterebbe ancora attiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *