Antifurto per villino in zona a rischio

Antifurto per villino in zona a rischio 4.00/5 (80.00%) 4 voti

Prevenire é meglio che curare, dice il famoso proverbio. Oltre alla salute, anche prevenire, e prevedere, i possibili furti in casa aiuta a non ritrovarsi in situazioni di rischio e a garantire la sicurezza della propria famiglia. La casa é, infatti, il luogo nel quale dovremmo sentirci più protetti.

Qualche dato sulle zone più a rischio furto in Italia

Negli ultimi dieci anni sono stati denunciate ben 10 milioni effrazioni o tentativi di effrazione fra le mura domestica. In rapporto al numero delle abitazioni presenti sul territorio italiano (secondo i dati dell’ISTAT 29 milioni) il numero dei tentativi di furto appare ancora più grande.

Ma non tutto il territorio Italiano vive lo stesso livello di rischio. Il 20% dei furti avviene nelle grandi città, prime in classifica Milano, Torino e Roma mentre in rapporto al numero di abitanti la più colpita é, a sorpresa, Asti con 9 furti in casa ogni mille abitanti. La maggior parte dei furti avviene nel Nord-Est, nella sola Lombardia avvengono 1/4 dei furti.

Quali sono gli orari più a rischio per i furti in appartamento

E’ di un paio di anni fa lo studio emerso dalla collaborazione di diversi autorevoli Istituti (Università Cattolica di Roma, Università di Trento e Dipartimento di Pubblica Sicurezza) che ha sfatato il mito dei furti negli orari notturni.
Secondo lo studio, infatti, gli orari più pericolosi per la sicurezza dell’abitazione sono invece tra le 8 e le 10 del mattino e tra le 17 e le 20. I giorni della settimana più pericolosi sembrano essere il Venerdì ed il Sabato. Bisogna dire che i dati sono stati analizzati sulla base delle denunce avvenute in tre grandi città italiane, Milano, Bari e Roma quindi potrebbero non essere valide per le zone di campagna o di villeggiatura.

Il dato é comunque sorprendente e, per quanto possibile, anche confortante. Sempre meglio essere rapinati mentre siamo al lavoro che trovarsi un estraneo in casa nel cuore della notte!

Ma, inutile dire, che l’opzione migliore é sicuramente la prevenzione del furto.

Per chi vive in una casa indipendente in campagna i maggiori rischi derivano sopratutto dall’isolamento dal centro urbano che la potrebbero rendere una preda più appetibile. Avendo molti accessi dal pian terreno poi, l’accesso dall’esterno é più semplice per i malintenzionati. Come fare allora a difendersi dai rischi e vivere più sicuri?
Ecco alcuni consigli per la scelta dell’antifurto per un villino situato in una zona a rischio furto.

Una delle scelte più adottate da chi vive in un villino indipendente sono i sistemi di allarme di tipo perimetrale. Come suggerisce il nome sono impianti antifurto che vengono collocati attorno al perimetro dell’abitazione, diventando una sorta di barriera che ci protegge dall’esterno quando ci troviamo in casa. Sono particolarmente utili durante la notte perché, essendo posizionati all’esterno, la possibilità che scattino senza ragione é molto bassa e permettono di girare liberi per la casa senza preoccuparsi della sirena di allarme.

Cosa sono le barriere perimetrali

Le barriere perimetrali sono sensori che funzionano ad infrarossi e vanno collocate nelle parti a rischio di accesso dell’abitazione come ad esempio il cancello o la zona di fronte alla porta o alle porte di ingresso o comunque lungo i muri perimetrali del villino.

Oltre ai sistemi ad infrarossi ci sono anche sistemi di allarme perimetrali che sfruttano la tecnologia a microonde ed altri che usano un sistema misto.

A prescindere dalla tecnologia utilizzata, sono composti da due sensori, uno avrà funzione di emettitore ed uno che funzionerà come ricevitore. A questo punto verrà creato un fascio infrarossi fra i due sensori che farà scattare l’allarme nel caso venga interrotto e quindi attraversato. Questo tipo di sistema antifurto può raggiungere una portata di 100 metri ed il prezzo di aggira intorno ai 150 euro.

Nella scelta di questo tipo di sistema di allarme dovrete prendere in considerazione le condizioni climatiche della zona in cui risiedete. Dovranno quindi essere resistenti alla pioggia, al gelo e al sole.

Altri sistemi di allarme per un villino indipendente

Oltre ai sistemi di antifurto perimetrali potrete decidere di installare dei sensori interni all’abitazione, o alle finestre come nel caso dei sensori a tenda o nel garage e nella cantina.

Vi sono poi sistemi di allarme magnetico, anche questi lavorano in coppia, e vanno collocati sulle due ante della porta o della serranda. Scatteranno nel caso vengano aperte o forzate.

Tutti i sistemi di allarme dovranno essere connessi alla centrale operativa delle Forze dell’Ordine o alla società di vigilanza privata, se vi avvalete di questo tipo di servizio.

Naturalmente, oltre ad un buon sistema di allarme, non dovrete rinunciare a misure di prevenzione dei furti più classiche come le porte blindate, le inferriate alle finestre, e un buon lucchetto per le biciclette che riponete in garage. Inoltre, altro metodo vecchio stile, é un buon amico a quattro zampe da guardia!

Insomma, le possibilità di scelta sono molte e l’investimento da affrontare non é molto alto e, ancora più importante, vi permetterà di dormire sonni più tranquilli. O di lasciare la vostra casa incustodita per le vacanze senza pensare continuamente a cosa potrebbe succedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *