Videosorveglianza e Privacy: cosa c’è da sapere

Videosorveglianza e Privacy: cosa c’è da sapere 4.80/5 (96.00%) 2 voti

La questione Privacy, nel settore della Videosorveglianza, rappresenta una tematica di grande attualità. Nel nostro Paese il processo di ripresa e registrazione delle immagini generate dalle telecamere è regolato in modo ferreo da diverse leggi che hanno principalmente 2 obiettivi: informare i cittadini che vengono ripresi, esporre quale sia il trattamento delle immagini e chi ne sia il responsabile. Si tratta di una serie di indicazioni che devono essere sempre chiare e ben visibili tramite l’esposizione obbligatoria di appositi cartelli: questi ultimi devono essere posti in una zona visibile, ed al contempo le autorità preposte devono essere informate della posizione delle telecamere e devono darne l’assenso. La posizione delle telecamere è solo una parte della faccenda, in quanto bisogna preoccuparsi del trattamento dei dati.

Le domande che molti si pongono: le immagini e i video ripresi vengono archiviati da qualche parte? Se si per quanto tempo? chi li può visionare?

Allora: le telecamere di videosorveglianza devono tutelare un’area sensibile isolata o con libero accesso al pubblico; dunque per fini di sicurezza, le riprese devono essere immagazzinate all’interno di determinati supporti. Le più recenti tecnologie (streaming/codifiche video) consentono di mantenere con una spesa minima, una grande quantità di riprese. Tale aspetto crea due obblighi: quello di conservare nel modo giusto e sicuro le immagini, e quello di realizzare un procedimento che permetta di cancellare definitivamente le immagini dopo un determinato lasso di tempo.

In commercio esistono videoregistratori DVR (Digital Video Recorder) capaci di gestire in contemporanea i flussi di numerose telecamere; possiedono inoltre la funzione di registrare i flussi soltanto nel momento in cui si rilevano movimenti. Tali Device si possono predisporre per la connessione alla rete (si tratta veri e propri PC) e si possono controllare e visionati anche a distanza sia tramite il web che attraverso una connessione via Smartphone.

Prima di acquistare un sistema per la videosorveglianza adatto ad un uso domestico o lavorativo, la scelta del dispositivo più adatto alle proprie specifiche esigenze dovrebbe essere effettuata in collaborazione con un elettricista per capire al meglio come usare le canaline e i collegamenti, per garantire l’alimentazione al sistema anche in caso di Black Out oppure di interruzione causata. Inoltre, un’attenta analisi di costi e utilità deve mettere in conto quale sia il reale e giusto valore degli oggetti da proteggere nell’ambiente che si intende sorvegliare. Il sistema per la videosorveglianza, infatti, dovrebbe essere come un vestito fatto su misura in riferimento alle reali necessità di sicurezza del committente.

Si potrà optare per un kit fai da te completo di tutto l’occorrente oppure si potrà pensare ad una combinazione di elementi provenienti da kit e da case diverse per conseguire un risultato eccellente. In tutto ciò è fondamentale avere sotto controllo i costi e le specifiche esigenze individuate durante l’analisi preliminare della struttura e delle necessità che un sistema per la videosorveglianza deve soddisfare. Non si tratta di una scelta banale ed immediata, al contrario richiede molta attenzione, riflessione e concertazione per poter ottenere un risultato finale all’altezza delle aspettative.

One thought on “Videosorveglianza e Privacy: cosa c’è da sapere

  • 5 ottobre 2018 at 10:25
    Permalink

    invece se si vive in condominio? vedo spesso i cartelli che informano sulla presenza di telecamere, ma immagino ci sia un iter da seguire rispetto alle case singole.. mi sbaglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *