Videosorveglianza su internet

Videosorveglianza su internet

Il settore della videosorveglianza su internet è attualmente al centro di una fervente discussione fra chi la ritiene il futuro e fra coloro che al contrario ritengono che possa rappresentare un grande problema per la sicurezza del proprio impianto di videosorveglianza. In questo contesto, iniziamo da un fatto, ovvero dalla possibilità che un hacker riesca ad entrare in un sistema di sicurezza; in passato un hacker molto abile è riuscito addirittura ad eludere le difese del Pentagono, penetrando nel loro sistema di sicurezza online. Ovviamente, si tratta di un caso limite, che nella fattispecie richiede tantissimo tempo e delle competenze fuori dal comune per la maggior parte degli individui. Detto ciò, è un fatto che la videosorveglianza in internet non sarà mai sicura al 100 %, ciò nonostante non risulta per nulla semplice abbattere le resistenze ed hackerare l’impianto, in quanto sono indispensabili delle tecnologie specifiche e molte altre competenze informatiche.

Pertanto, possiamo dire che un sistema può essere violato, ma esistono sempre delle soluzioni per aumentare la sicurezza seguendo delle semplici regole. Innanzitutto, per quanto riguarda il videoregistratore Digital Video Recorder, è sempre meglio dotarsi di un sistema innovativo ed avanzato per poter assicurare la realizzazione di una rete con una protezione di base già elevata in partenza. Inoltre, è consigliabile non usare mai la porta 80, ossia quella usata solitamente per l’accesso alla rete internet: sostituirla, infatti, renderebbe il lavoro assai complicato ad un’eventuale hacker, in quanto per penetrare nel sistema dovrà per forza conoscere qual è la porta usata per la connessione alla rete. Un altro accorgimento è anche quello di cambiare la password con cadenza regolare, usando nella composizione del codice sia lettere che numeri.

Dunque, seguendo queste piccole ed importanti accortezze, potremmo riuscire senza criticità a rendere le cose molto complicate al nostro eventuale nemico, il quale, oltre a dover ricavare la password e la porta usata per la connessione, dovrà inevitabilmente sapere anche l’indirizzo IP della rete. Si tratta di questioni non da poco anche per un hacker molto esperto, il quale avrà sicuramente più interesse ad entrare in sistemi ben più appetibili rispetto a quelli di videocamere che sorvegliano una semplice abitazione. Un hacker, infatti, dovrebbe avere una valevole motivazione per cercare una maniera per entrare nelle vostre difese spendendo tempo e sforzi in tali attività.

Dopo queste considerazioni, risulta palese che un sistema per la videosorveglianza in internet resta una soluzione assai valida, in quanto la comodità nella gestione permette all’utente di poterlo regolare e controllare anche a distanza da apparecchi come lo Smartphone, il Tablet o il personal computer. La videosorveglianza su internet è semplice da utilizzare proprio perché si può gestire comodamente dal pc di casa e risulta anche molto potente, in quanto si possono sfruttare diversi software per ingrandire il servizio offerto dalle telecamere di videosorveglianza. Concludendo, la lontana possibilità che il sistema di videosorveglianza in internet possa essere forzato da un genio dell’informatica, non può rappresentare una motivazione sufficiente per desistere dal dotarsi di un impianto di videosorveglianza di questa tipologia.

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Fino a oltre un decennio fa, le società che trattavano i sistemi di videosorveglianza erano davvero pochissime, soprattutto nell’ambito degli impianti di sicurezza con possibilità di gestione a distanza. Infatti, intorno alla fine degli anni 90’, internet era diffuso solo nelle grandi aziende, pertanto i sistemi con controllo a distanza venivano collocati unicamente all’interno delle banche, delle ambasciate, dei grandi musei, dei locali delle forze dell’ordine, delle stazioni con i pozzi di petrolio o più in generale di ambienti in cui si presupponevano dei rischi elevati. Successivamente, con la diffusione della rete internet, la situazione è cambiata progressivamente, sino a giungere all’era contemporanea con la proliferazione dell’ADSL; in questo contesto anche il settore della videosorveglianza è cambiato notevolmente, proponendo sul mercato i videoregistratori digitali Digital Video Recorder con presa di rete LAN, facili da connettere ad internet e visualizzabili tramite la rete usando un personal computer, un Tablet o uno Smartphone, sia Iphone che Samsung con sistema Android.

Da qualche anno a questa parte, tutti i videoregistratori Digital Video Recorder sono passati da una compressione MJPEG ad una H.264, raggiungendo in tal modo un livello di compressione superiore, capace di far prolungare il numero dei giorni di registrazione senza al contempo far diminuire la qualità, accrescendo anche la velocità della trasmissione dello streaming video. In tale panorama, l’espansione della rete internet e la diffusione degli Smartphone ha ampliato considerevolmente la vendita dei sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione anche per gli utenti privati, che oltre a rispondere al meglio alle necessità di sicurezza per i propri beni, riescono a visionare la propria casa in modo facile, comodo e intuitivo attraverso il telefono cellulare, ogni qualvolta che lo desiderano anche da remoto.

Inoltre, la legge sulla Privacy, ha agevolato notevolmente l’installazione dei sistemi per la videosorveglianza in campo domestico, consentendo a tutti i proprietari di abitazioni, che siano grandi ville o mini appartamenti, di installare il proprio sistema TVCC senza eccessive problematiche ed intoppi burocratici. Per ciò che concerne l’ambito professionale, la legge sulla videosorveglianza risulta senza dubbio più articolata e particolareggiata, ma inoltrando lo specifico modulo presso l’ufficio del lavoro ed adeguandosi alle normative in vigore (se necessario in alcuni contesti bisogna sottoscrivere un accordo con i rappresentanti sindacali dell’azienda), si può installare un sistema per la videosorveglianza anche nelle attività commerciali, negli uffici, nelle fabbriche, nelle aziende, nei negozi e così via.

In questo contesto, è importante sottolineare che la questione Privacy, nel campo della videosorveglianza, è una questione importante e di grandissima attualità. In Italia, infatti, tutto il procedimento di ripresa e di registrazione dei video generati dalle telecamere, è regolamentato da diversi decreti legislativi che hanno essenzialmente due scopi: informare le persone che vengono riprese, esplicitare la natura del trattamento delle immagini e chi ne sia il l’autore. Parliamo di una lista di informazioni che devono essere sempre ben comprensibili e visibili grazie all’installazione obbligatoria di specifici cartelli, che vanno posizionati in aree visibili; inoltre le autorità competenti devono essere a conoscenza dell’ubicazione delle telecamere per darne o meno l’autorizzazione.