Allarmi e detrazioni fiscali

Allarmi e detrazioni fiscali

Negli ultimi anni la tecnologia ha compiuto passi da gigante, ed e proprio grazie al progresso della tecnica ed alle sue infinite applicazioni in ambito privato e pubblico, che anche gli impianti di sicurezza si stanno diffondendo a macchia d’olio tra gli utenti che desiderano proteggere le case, i negozi, gli uffici, le aziende e i locali commerciali contro intrusioni, furti e vandali. I costi per l’acquisto di questo tipo di sistemi si sono abbassati in modo considerevole rispetto al passato; in questo panorama favorevole, per agevolare maggiormente il mercato e i cittadini, il nostro Paese dà la possibilità di godere di determinate detrazioni fiscali. Infatti, la Legge di Stabilità prevede detrazioni del 50 % per quanto concerne il settore delle ristrutturazioni edilizie, tra cui rientra anche l’acquisto di impianti per la sicurezza (per esempio cancelli, grate, porte blindate, impianti di antifurto, telecamere di videosorveglianza e così via). Secondo quanto riportato sul decreto legge 201 del 2011, si possono detrarre tutte quelle spese avute per l’acquisto e l’installazione di impianti di antifurto per le case, gli uffici e i negozi, per gli interventi di rafforzamento, sostituzione e messa in funzione di cancelli e recinzioni murarie di un edificio, per la dotazione di portoni blindati, di casseforti, di sistemi di videosorveglianza, di inferriate per serramenti, di tapparelle di metallo e di vetri anti-sfondamento (fanno eccezione i contratti stipulati con istituti per la vigilanza, le cui spese non risultano detraibili).

Chi può usufruire delle agevolazioni fiscali: i proprietari della casa nella quale verrà installato l’impianto di allarme; l’usufruttuario; i soci di società semplici; i locatari; gli imprenditori individuali di immobili che non fanno parte dei beni strumentali; un familiare convivente del proprietario della struttura. Per ciò che concerne le agevolazioni sull’Iva per l’acquisto di impianti di allarme o di antifurto, non è da considerare solo la detraibilità del 50 % ma anche l’Iva agevolata al 10 invece del 21 % sul materiale acquistato. Per fare un esempio concreto, un impianto d’antifurto ha un costo di 2000 euro, mentre l’installazione ha un costo di 500 euro, per una spesa totale di 2500 euro. Il proprietario può servirsi dell’iva al 10 % solo sulla differenza tra il totale della spesa e del prezzo dei beni (quindi 2500 – 2000): quindi l’iva al 10 % verrà applicata ai 500 euro, mentre sulla restante parte del 21 %.

Vediamo ora come si calcolano le detrazioni fiscali facendo un altro esempio pratico: se un utente spende 10.000 euro totali per l’installazione del sistema di allarme, il 50 % è pari a 5.000 euro. Le agevolazioni fiscali saranno dello stesso importo spalmate su 10 anni, pertanto potrà detrarre dalla sua dichiarazione dei redditi, ogni anno, 500 euro. Per poter fruire delle detrazioni fiscali, ovviamente c’è un iter specifico da seguire: innanzitutto è importante che chi si occupa dell’installazione fatturi tutto, e che i pagamenti non avvengano in nero o in contanti bensì tramite bonifici. Inoltre, nella dichiarazione dei redditi, andranno riportati tutti i dati catastali che determinano la casa come oggetto dell’installazione di sistemi per la sicurezza. Per tutti i dettagli del caso bisogna leggere la guida alle detrazioni fiscali sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione

Fino a oltre un decennio fa, le società che trattavano i sistemi di videosorveglianza erano davvero pochissime, soprattutto nell’ambito degli impianti di sicurezza con possibilità di gestione a distanza. Infatti, intorno alla fine degli anni 90’, internet era diffuso solo nelle grandi aziende, pertanto i sistemi con controllo a distanza venivano collocati unicamente all’interno delle banche, delle ambasciate, dei grandi musei, dei locali delle forze dell’ordine, delle stazioni con i pozzi di petrolio o più in generale di ambienti in cui si presupponevano dei rischi elevati. Successivamente, con la diffusione della rete internet, la situazione è cambiata progressivamente, sino a giungere all’era contemporanea con la proliferazione dell’ADSL; in questo contesto anche il settore della videosorveglianza è cambiato notevolmente, proponendo sul mercato i videoregistratori digitali Digital Video Recorder con presa di rete LAN, facili da connettere ad internet e visualizzabili tramite la rete usando un personal computer, un Tablet o uno Smartphone, sia Iphone che Samsung con sistema Android.

Da qualche anno a questa parte, tutti i videoregistratori Digital Video Recorder sono passati da una compressione MJPEG ad una H.264, raggiungendo in tal modo un livello di compressione superiore, capace di far prolungare il numero dei giorni di registrazione senza al contempo far diminuire la qualità, accrescendo anche la velocità della trasmissione dello streaming video. In tale panorama, l’espansione della rete internet e la diffusione degli Smartphone ha ampliato considerevolmente la vendita dei sistemi per la videosorveglianza di ultima generazione anche per gli utenti privati, che oltre a rispondere al meglio alle necessità di sicurezza per i propri beni, riescono a visionare la propria casa in modo facile, comodo e intuitivo attraverso il telefono cellulare, ogni qualvolta che lo desiderano anche da remoto.

Inoltre, la legge sulla Privacy, ha agevolato notevolmente l’installazione dei sistemi per la videosorveglianza in campo domestico, consentendo a tutti i proprietari di abitazioni, che siano grandi ville o mini appartamenti, di installare il proprio sistema TVCC senza eccessive problematiche ed intoppi burocratici. Per ciò che concerne l’ambito professionale, la legge sulla videosorveglianza risulta senza dubbio più articolata e particolareggiata, ma inoltrando lo specifico modulo presso l’ufficio del lavoro ed adeguandosi alle normative in vigore (se necessario in alcuni contesti bisogna sottoscrivere un accordo con i rappresentanti sindacali dell’azienda), si può installare un sistema per la videosorveglianza anche nelle attività commerciali, negli uffici, nelle fabbriche, nelle aziende, nei negozi e così via.

In questo contesto, è importante sottolineare che la questione Privacy, nel campo della videosorveglianza, è una questione importante e di grandissima attualità. In Italia, infatti, tutto il procedimento di ripresa e di registrazione dei video generati dalle telecamere, è regolamentato da diversi decreti legislativi che hanno essenzialmente due scopi: informare le persone che vengono riprese, esplicitare la natura del trattamento delle immagini e chi ne sia il l’autore. Parliamo di una lista di informazioni che devono essere sempre ben comprensibili e visibili grazie all’installazione obbligatoria di specifici cartelli, che vanno posizionati in aree visibili; inoltre le autorità competenti devono essere a conoscenza dell’ubicazione delle telecamere per darne o meno l’autorizzazione.

Tripla frequenza antifurto

Tripla frequenza antifurto

I sistemi di allarme wireless (senza fili) sono pensati per funzionare su una singola frequenza: questo aspetto permette alla centrale di allarme di ricevere i segnali radio dai diversi elementi su di un range di frequenze (tra i 433,075 MHz e i 434,775 MHz). Grazie all’evoluzione della tecnologia, il mercato propone il passaggio agli allarmi a doppia frequenza, i quali sfruttano un doppio range di frequenze (tra i 433,075 MHz e i 434,775 MHz), e quello sugli 868 MHz. Sono proprio le frequenze di lavoro a determinare la qualità dei diversi sistemi senza fili presenti sul mercato, anche se per tutte e due le tipologie sono disponibili alcuni dispositivi denominati LPD che consentono di utilizzare i sistemi senza licenze e specifiche autorizzazioni.

La scelta di optare per un antifurto a singola o a doppia frequenza non si basa tanto sulla loro sicurezza (entrambi risultano sicuri allo stesso modo in assenza di interferenze), ma dalla possibilità che i ladri possiedono di arrestare la comunicazioni tra centrale e componenti vari. Per quanto riguarda il doppio canale di comunicazione degli antifurto a doppia frequenza, questi ultimi forniscono il vantaggio, rispetto a quelli a mono frequenza, di assicurare una connessione più sicura tra i vari dispositivi: l’affidabilità sta nel fatto che, se un ladro inibisce una frequenza, grazie alla funzione detta antij-amming, la centralina riesce ad individuare il disturbo e a far scattare comunque l’allarme.

Ad oggi si è arrivati ad un ulteriore sviluppo: si tratta degli antifurto a tripla frequenza, i quali riescono ad aumentare non solo la sicurezza ma anche l’aspetto della compatibilità tra i sistemi; parliamo di antifurto molto articolati ma al contempo facili ed efficaci per il cliente che li preferisce ai sistemi di allarme filari (via cavo). Molto importante anche l’aspetto della codifica dei sistemi d’allarme: in questo ambito, più è complessa la codifica, più si riescono ad evitare interferenze e falsi allarmi.

Vediamo ora qual è il funzionamento di un sistema di allarme wireless a tripla frequenza: questo sistema funziona tramite le onde radio, grazie alle quali la centrale di allarme e i diversi componenti (tra cui le sirene e i sensori) dialogano fra loro. I sistemi senza fili utilizzano una tecnologia a bassa potenza (detta SRD – Short Range Devices), grazie alle quali è possibile oltrepassare gli ostacoli fisici e trasmettere i segnali codificati ad alta velocità; è bene inoltre sottolineare che i loro consumi ridotti non generano inquinamento elettromagnetico.

Per i sistemi di allarme senza fili, l’Unione Europea ha stabilito che le bande di frequenza che si possono usare sono quelle comprese tra i 25 MHz e i 1000 MHz. Le frequenze di lavoro di questi sistemi dipendono dai dispositivi denominati oscillatori di trasmissione (possono essere al quarzo o ceramico): il primo origina frequenze che vanno dai 26,995 MHz ai 40,700 MHz, il secondo crea frequenze tra i 433,050 MHz e i 434,790 MHz.

L’utilizzo del primo o del secondo dispositivo definisce quali sono le caratteristiche di funzionamento del sistema di allarme senza fili. In tutti e due i casi, però, esistono vantaggi nell’installazione di un sistema di allarme wireless o di un antifurto a tripla frequenza senza fili: non sono previsti cavi e quindi opere murarie per posizionarli; semplicità di installazione anche fai da te; possibilità di integrazione anche con altri dispositivi nel futuro.