Fastidiosi falsi allarmi

Fastidiosi falsi allarmi

Una delle ansie maggiori che nascono nei cittadini che si predispongono all’acquisto e all’installazione di un sistema di antifurto per la protezione della propria casa, sta nella possibilità di avere a che fare con i falsi allarmi, specialmente se si pensa al disagio che il chiasso immotivato e ripetuto della sirena d’allarme può provocare non soltanto in casa ma anche per i vicini. Risulta chiaro che un impianto di antifurto che scatta spesso quando non c’è una motivazione valida, rappresenta solo fonte di preoccupazioni inutili e di contrasti nei confronti di chi risiede in prossimità dell’abitazione, oltre ad essere totalmente inservibile ai fini della sicurezza. Un falso allarme, per definizione, è la manifestazione di un fenomeno che crea turbamento della quiete pubblica, ed è causato da una sirena d’allarme che suona in modo ingiustificato. Questo fenomeno, ovviamente, crea titubanze e giudizi negativi sulla reale sicurezza ed affidabilità dei sistemi di antifurto. Certamente tutto questo si risolve conoscendo tutti gli aspetti e le relative soluzioni inerenti i falsi allarmi e soprattutto agli allarmi impropri: questi ultimi, infatti, sono generati da un uso inopportuno del sistema: per fare qualche esempio concreto, quando il sensore è soggetto ad una fonte di calore troppo forte, quando si lasciano aperte le finestre, quando un cane passa davanti ad un sensore non compatibile con la presenza di animali domestici.

In questo contesto giocano un ruolo importante tre fattori: le intemperie alle quali i sensori sono soggetti come la pioggia, la neve, la nebbia, il vento e le forti alterazioni termiche; gli animali, in tal caso sensori di bassa qualità o non compatibili evidenziano il loro movimento come pericoloso, facendo partire per nulla l’allarme; i ladri che conoscono i sistemi di antifurto e fanno partire intenzionalmente l’allarme, cosicché il proprietario, pensando ad un falso allarme, disattivi l’antifurto lasciandogli inconsapevolmente via libera. Le tecnologie innovative impiegate nei moderni sistemi d’allarme, hanno ridotto notevolmente la manifestazione di questi malfunzionamenti; in commercio, infatti, sono disponibili prodotti molto efficaci come per esempio dei sensori da esterno realizzati per essere in grado di distinguere esattamente i semplici fattori di disturbo dalla vera presenza di un malintenzionato, o ancora dei sensori da interno che funzionano impiegando la doppia tecnologia, tramite cui i raggi infrarossi uniti alle microonde assicurano più affidabilità e sicurezza dell’impianto.

Ad ogni modo, i più grandi nemici di un sistema di antifurto sono la mancanza di manutenzione da parte dei proprietari a la bassa qualità nei materiali impiegati dovuta ai prezzi troppo bassi dei dispositivi. Un impianto di qualità, se sottoposto ai dovuti controlli in modo regolare, non genera falsi allarmi; la possibilità che li provochi può essere confinata nella fase di installazione e di messa a punto: quindi, una volta che il sistema è installato e testato, non sarà più fonte di falsi allarmi. Quindi, per concludere e ricapitolare, per evitare l’odioso fenomeno bisogna sempre effettuare una buona manutenzione regolare del sistema di antifurto, unica vera cura per evitare al meglio gli allarmi impropri e prevenire i falsi allarmi.

Mini telecamere: DVR e scheda SD

Mini telecamere: DVR e scheda SD

Il settore degli impianti per la videosorveglianza, realizzati per proteggere le abitazioni, gli uffici, le aziende, i negozi e così via, nel corso degli ultimi anni si è evoluto considerevolmente sia in termini di qualità che di efficienza, riuscendo a proporre ed offrire sul mercato prodotti sempre più innovativi ed adattabili alle diverse esigenze del cliente. In determinate situazioni, c’è chi desidera mettere sotto controllo un locale senza aver bisogno di telecamere fisse ed operose ventiquattro ore su ventiquattro, desiderando invece soltanto un monitoraggio discreto ed attivo esclusivamente in determinati momenti della giornata, che sia in un contesto domestico oppure lavorativo.

Ed è qui che entra in gioco la potente macchina della sicurezza, che offre una vasta gamma di dispositivi adattabili alle differenti necessità di chi ne usufruisce. Infatti è possibile trovare in commercio mini telecamere o microcamere per la videosorveglianza, piccole, discrete e funzionali, perfette per non dare nell’occhio proprio perché non hanno bisogno di cavi per l’alimentazione ma soltanto di determinate batterie. Tali apparecchiature, quindi, non riprendono giorno e notte, in quanto pensate proprio per porre sotto controllo determinate aree e monitorare specifiche situazioni: l’ideale per contrastare la micro e macro criminalità.

Sebbene queste telecamere siamo compatte e di piccole dimensioni, possono essere accostate ai mini Digital Video Recorder (DVR): questi ultimi registrano le immagini generate dalle telecamere sulle classiche schede di memoria SD, che una volta riempite con tutti i dati si possono inserire in un personal computer per essere collegate ad un monitor o ad una televisione per poter visualizzare le immagini riprese.

Siffatte telecamere di videosorveglianza, pensate appositamente per mimetizzarsi e riprendere soltanto nel momento in cui si rileva un movimento, oltre a far sì che si risparmi molta energia risultano assai utili se poste all’interno di un negozio, per poter risalire ad esempio all’identità di qualcuno che ha rubato merce sugli scaffali o soldi dalla cassa e così via. Detto questo, però, è importante sottolineare che l’installazione di una o più telecamere per la videosorveglianza va necessariamente comunicata e segnalata all’interno dell’attività commerciale, come opportunamente predisposto ed indicato nella legge sulla Privacy.

Sul mercato esistono svariate tipologie di microcamera, tra cui quella a forma di vite, piccola, compatta e difficile da vedere e riconoscere: con questa particolare telecamera si possono registrare le immagini anche per due ore consecutive o più grazie alla dotazione di determinate batterie: ciò permette di nascondere agilmente il dispositivo tra i prodotti esposti nel locale oppure fra la merce posta sulla scaffalatura in maniera discreta e comoda. Se la microcamera è altresì in possesso della possibilità di registrare soltanto quando i soggetti presenti nell’ambiente posto sotto controllo sono in movimento, avrà autonomia per tutta la durata delle ore lavorative.

È bene ricordare che poco prima di chiudere l’attività bisogna disattivare la microcamera e controllare le immagini registrate sulla scheda SD, così da avere quotidianamente tutto sotto controllo, sentirsi al sicuro contro i ladri e dormire sonni tranquilli.